LED 590 inverno 2017 by gian.

Discussioni sui gommoni rigidi dedicati al normale diporto e su tematiche a carattere generico per gli appassionati del gommone.
Avatar utente
Claudio 64
Attivo
Messaggi: 165
Iscritto il: 03/12/2016, 20:56
Gommone: Focchi 620 twin
Motore: Honda 100 vtec
Località: Lago d'Iseo

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda Claudio 64 » 29/03/2018, 21:08

Tutto cosi da un lato non influisce sul bilanciamento laterale dei pesi :ask:
domanda con interesse personale perché vorrei montare pure io la seconda batteria.





Condividi




Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
Gian
Abituale
Messaggi: 6133
Iscritto il: 31/10/2011, 16:29
Gommone: LED590
Motore: Yamaha F 100 AETL
Località: Trento
Contatta:

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda Gian » 29/03/2018, 21:23

@claudio 64

ci ho pensato lungamente pure :confus: :confus: io ed in effetti due dalle 2 parti sarebbe logicamente meglio ma dal punto di vista degli spazi mi avrebbe dato fastidio poichè concentrando le cose ottimizzo, poi basta poco che gli assetti cambiano. Test al garda. Se ko sposto


@boar

domani ti dico :wink:


@paolo62

non vedo l'ora di rivedervi tutti...... mi raccomando dieta preventiva ma__gnRE ma__gnRE
:d: Gian

ImmagineImmagine Immagine Immagine Immagine

Gozzetto vtr 4.00 johnson 4cv - Quicksilver 340 Mercury 15 cv --- Marshall M40S Honda Bf20 --- Ondina 5.05 Yamaha F40 --- LED 590 + Yamaha 100

Avatar utente
Francomaffio
Abituale
Messaggi: 4471
Iscritto il: 17/02/2013, 11:41
Gommone: MV620
Motore: Suzuki 140
Località: Dalmine (BG)

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda Francomaffio » 29/03/2018, 22:40

Bello il frigo Gian. :bene:
Ma è la sua posizione definitiva e l'hai fissato o l'hai solo appoggiato?
Ciao Franco

Avatar utente
Gian
Abituale
Messaggi: 6133
Iscritto il: 31/10/2011, 16:29
Gommone: LED590
Motore: Yamaha F 100 AETL
Località: Trento
Contatta:

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda Gian » 30/03/2018, 7:07

Francomaffio ha scritto:Bello il frigo Gian. :bene:
Ma è la sua posizione definitiva e l'hai fissato o l'hai solo appoggiato?
Ciao Franco


ciao Franco. Posizione definitiva dallo scorso anno. Ho messo dei listelli a pavimento in modo che non si muova ed il test della scorsa è stato positivo. Ne ho messi 2 uno dietro ed uno di lato ma ne metto uno anche davanti perchè non vada a sbattere sullo stacca batterie e presa accendisigari.
Sotto il frighetto poi ho messo un tappetino di gomma

ciao


listelli.jpg
listelli.jpg (58.61 KiB) Visto 1001 volte
:d: Gian

ImmagineImmagine Immagine Immagine Immagine

Gozzetto vtr 4.00 johnson 4cv - Quicksilver 340 Mercury 15 cv --- Marshall M40S Honda Bf20 --- Ondina 5.05 Yamaha F40 --- LED 590 + Yamaha 100

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
Francomaffio
Abituale
Messaggi: 4471
Iscritto il: 17/02/2013, 11:41
Gommone: MV620
Motore: Suzuki 140
Località: Dalmine (BG)

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda Francomaffio » 30/03/2018, 8:13

Gian ha scritto:Sotto il frighetto

Come al solito una foto del frighetto>>fighetto vale più di mille parole, grazie Gian :bene: :bene:

Avatar utente
ale70
Abituale
Messaggi: 1859
Iscritto il: 23/03/2010, 20:19
Gommone: coaster 650
Motore: Yamaha f150
Località: padova

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda ale70 » 30/03/2018, 19:15

ciao Gian, che modello di frigo hai preso?
"sembrerà paradossale ma la condizione per discutere è essere d’accordo"

Avatar utente
Gian
Abituale
Messaggi: 6133
Iscritto il: 31/10/2011, 16:29
Gommone: LED590
Motore: Yamaha F 100 AETL
Località: Trento
Contatta:

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda Gian » 31/03/2018, 7:15

@boar e Ale

Le dimensioni sono 36x56 h 43 ed il modello è QUESTO. dA 35 LT, Molto performante anche se non al livello di uno a compressore


FRIGO.JPG
FRIGO
FRIGO.JPG (86.34 KiB) Visto 905 volte


Poi mi sono dedicato a cosette: :sog: :sog:

- Sostituzione della staffa porta trasduttore (pulendo e intasando i 3 forellini con un po' di sikaflex

- sostituzione anodo a pinna che era completamente consumato

- sostituzione anodo sotto motore che era poco consumato e molto incrostato...... chissà perchè questa differenza rispetto l'altro anodo. :ask: :ask: LE INCROSTAZIONI SONO DURE E BIANCASTRE

- seconda mano olio musone ed oliato l'interno delle portine


Una domanda volevo porvi: lo staccabatterie mi permette di avere una posizione in cui vanno in parallelo. Ma quali vantaggi/svantaggi/controindicazioni si hanno? :ask: :ask:


20180330_154539.jpg
STAFFA DANNEGGIATA


20180330_154940.jpg
STAFFA NUOVA


20180330_160829.jpg
STAFFA SOSTITUITA


20180330_161302.jpg
ANODO CONSUMATO


20180330_162507.jpg
NUOVO ANODO MONTATO


20180330_162730.jpg
VECCHIO E NUOVO ANODO SOTTO MOTORE


20180330_163058.jpg
ANODO SOTTO MOTORE MONTATO
:d: Gian

ImmagineImmagine Immagine Immagine Immagine

Gozzetto vtr 4.00 johnson 4cv - Quicksilver 340 Mercury 15 cv --- Marshall M40S Honda Bf20 --- Ondina 5.05 Yamaha F40 --- LED 590 + Yamaha 100

Avatar utente
Vincenzo
Abituale
Messaggi: 2558
Iscritto il: 05/05/2005, 22:42
Gommone: MAR.CO Twentytree
Motore: Honda 225cv 4t
Località: Perugia

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda Vincenzo » 01/04/2018, 0:08

Gian ha scritto:
Una domanda volevo porvi: lo staccabatterie mi permette di avere una posizione in cui vanno in parallelo. Ma quali vantaggi/svantaggi/controindicazioni si hanno? :ask: :ask:




Ciao Gian, complimenti per la cura che metti nei tuoi lavori :bene:

Per quanto riguarda il parallelo delle batterie, ci sono due scuole di pensiero:

a) la più tradizionale, secondo cui dovresti mettere sempre il parallelo quando carichi le batterie con il motore, in modo che si ricaricano contemporaneamente entrambe e anche quando avvii in modo da avere più potenza a disposizione. Questo è quanto ti diranno molti meccanici/operatori della nautica che non vedono altro che il parallelo.

b) l'altra, che definirei più prudenziale, secondo cui il parallelo va messo solo in caso di emergenza o, meglio ancora, mai. Quindi la regola è alternare l'utilizzo delle due batterie, ad esempio una all'andata e l'altra al ritorno, oppure una un giorno l'altra il giorno seguente.

Personalmente e come ormail ho detto in più occasioni, sono un accanito sostenitore del metodo B) più prudenziale: ho sempre avuto due batterie e ognuna delle quali manda tutto (motore e servizi) e le ho usate alternativamente: mai e poi mai mi è capitato di mettere il parallelo. Poi, con motori tipo lo Yamaha con doppia uscita di ricarica, oppure con ripartitori di carica, hai il vantaggio di avere un sistema di ricarica automatizzato che ti evita di alternare le due batterie, ma questo è un sistema un po' più complicato che a non tutti convince ... fermo restando che, anche in questo caso, il parallelo proprio non serve.

Svantaggi del parallelo: Se hai un problema con una batteria (ad esempio va in corto, o uno o più elementi si guastano) ti porta a terra anche l'altra e rimani fermo.
Lo ritengo un metodo poco sicuro soprattutto in mare. A riprova, basta che considerei che il mio Toyota Land Cruiser è equipaggiato con 2 batterie da 95 A messe permanentemente in parallelo. Bene, circa un mese fa dopo un po' di tempo che non lo utilizzavo, ma neanche tanto (20 gg) ... sono andato in garage e non sono riuscito ad avviare il motore: entrambe le batterie erano morte. Devo dire che la cosa non mi ha sorpreso, perchè nell'ultimo periodo di utilizzo avevo percepito che nell'avviamento non c'era la solita prontezza e potenza (con due batterie in parallelo da 95 A l'avviamento dovrebbe essere instantaneo). Smontate le batterie e messe sotto carica ho potuto verificare che una era irrecuperabile perchè andata in corto, mentre l'altra si era completamente scaricata. Quest'ultima sono riuscito a recuperarla, ma chiaramente la utilizzerò solo per il verricello elettrico. Morale della favola: la batteria andata in corto mi ha scaricatto anche quella buona, quindi se fossi stato in una zona isolata sarei rimasto a terra. Se la stessa cosa fosse accaduta sul gommone sarebbe stato un vero problema.

Preferisco avere sempre la certezza di una batteria di scorta completamente carica e con questo metodo non sono mai rimasto a piedi per le batteria, cosa che accade di frequente a tanti altri gommonauti o barcaroli che conosco.

Avatar utente
Gian
Abituale
Messaggi: 6133
Iscritto il: 31/10/2011, 16:29
Gommone: LED590
Motore: Yamaha F 100 AETL
Località: Trento
Contatta:

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda Gian » 01/04/2018, 5:28

grazie @vincenzo

le mie scarse conoscenze di impianti elettrici mi fa sempre titubare un po'. Spiegazione chiarissima e opterò sicuramente la soluzione di alternarne l'uso per le motivazioni che adduci. Temevo, per ignoranza, anche qualche altra negatività funzionale nel averle in parallelo .
Grazie mille!!!
:d: Gian

ImmagineImmagine Immagine Immagine Immagine

Gozzetto vtr 4.00 johnson 4cv - Quicksilver 340 Mercury 15 cv --- Marshall M40S Honda Bf20 --- Ondina 5.05 Yamaha F40 --- LED 590 + Yamaha 100

Avatar utente
ale70
Abituale
Messaggi: 1859
Iscritto il: 23/03/2010, 20:19
Gommone: coaster 650
Motore: Yamaha f150
Località: padova

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda ale70 » 01/04/2018, 7:30

Vincenzo ha scritto:
Gian ha scritto:
Una domanda volevo porvi: lo staccabatterie mi permette di avere una posizione in cui vanno in parallelo. Ma quali vantaggi/svantaggi/controindicazioni si hanno? :ask: :ask:




Ciao Gian, complimenti per la cura che metti nei tuoi lavori :bene:

Per quanto riguarda il parallelo delle batterie, ci sono due scuole di pensiero:

a) la più tradizionale, secondo cui dovresti mettere sempre il parallelo quando carichi le batterie con il motore, in modo che si ricaricano contemporaneamente entrambe e anche quando avvii in modo da avere più potenza a disposizione. Questo è quanto ti diranno molti meccanici7operatori della nautica che non vedono altro che il parallelo.

b) l'altra, che definirei più prudenziale, secondo cui il parallelo va messo solo in caso di emergenza o, meglio ancora, mai. Quindi la regola è alternare l'utilizzo delle due batterie, ad esempio una all'andata e l'altra al ritorno, oppure una un giorno l'altra il giorno seguente.

Personalmente e come ormail ho detto in più occasioni, sono un accanito sostenitore del metodo B) più prudenziale: ho sempre avuto due batterie e ognuna delle quali manda tutto (motore e servizi) e le ho usate alternativamente: mai e poi mai mi è capitato di mettere il parallelo. Poi, con motori tipo lo Yamaha con doppia uscita di ricarica, oppure con ripartitori di carica, hai il vantaggio di avere un sistema di ricarica automatizzato che ti evita di alternare le due batterie, ma questo è un sistema un po' più complicato che a non tutti convince ... fermo restando che, anche in questo caso, il parallelo proprio non serve.

Svantaggi del parallelo: Se hai un problema con una batteria (ad esempio va in corto, o uno o più elementi si guastano) ti porta a terra anche l'altra e rimani fermo.
Lo ritengo un metodo poco sicuro soprattutto in mare. A riprova, basta che considerei che il mio Toyota Land Cruiser è equipaggiato con 2 batterie da 95 A messe permanentemente in parallelo. Bene, circa un mese fa dopo un po' di tempo che non lo utilizzavo, ma neanche tanto (20 gg) ... sono andato in garage e non sono riuscito ad avviare il motore: entrambe le batterie erano morte. Devo dire che la cosa non mi ha sorpreso, perchè nell'ultimo periodo di utilizzo avevo percepito che nell'avviamento non c'era la solita prontezza e potenza (con due batterie in parallelo da 95 A l'avviamento dovrebbe essere instantaneo). Smontate le batterie e messe sotto carica ho potuto verificare che una era irrecuperabile perchè andata in corto, mentre l'altra si era completamente scaricata. Quest'ultima sono riuscito a recuperarla, ma chiaramente la utilizzerò solo per il verricello elettrico. Morale della favola: la batteria andata in corto mi ha scaricatto anche quella buona, quindi se fossi stato in una zona isolata sarei rimasto a terra. Se la stessa cosa fosse accaduta sul gommone sarebbe stato un vero problema.

Preferisco avere sempre la certezza di una batteria di scorta completamente carica e con questo metodo non sono mai rimasto a piedi per le batteria, cosa che accade di frequente a tanti altri gommonauti o barcaroli che conosco.



ciao Vincenzo,
anch'io utilizzo come te impianto di tipo B.
in questo modo ricarico quella che utilizzo e tengo l'altra di rispeto.a giorni alterno.
con motore come Yamaha con doppia uscita alternatore nn converrebbe alimentare per ricarica entrambe le batterie per utilizzarne sempre una senza escludere dalla ricarica la seconda?
"sembrerà paradossale ma la condizione per discutere è essere d’accordo"

Avatar utente
Vincenzo
Abituale
Messaggi: 2558
Iscritto il: 05/05/2005, 22:42
Gommone: MAR.CO Twentytree
Motore: Honda 225cv 4t
Località: Perugia

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda Vincenzo » 01/04/2018, 8:51

ale70 ha scritto:. ciao Vincenzo,
anch'io utilizzo come te impianto di tipo B.
in questo modo ricarico quella che utilizzo e tengo l'altra di rispeto.a giorni alterno.
con motore come Yamaha con doppia uscita alternatore nn converrebbe alimentare per ricarica entrambe le batterie per utilizzarne sempre una senza escludere dalla ricarica la seconda?


Quando avevo lo Yamaha 225 trovai questa prerogativa del motore su un forum americano .... il mio meccanico, che neanche lui la conosceva, capí subito di cosa si trattava e riuscí a fare il collegamento all’apposito connettore presente sul motore (mi sembra avesse un filo rosa) con un connettore adattato, senza quindi acquistare il il cavetto originale Yamaha (costosissimo :sog: ). Da allora ho sempre utilizzato quel sistema trovandolo veramente molto comodo: mentre vai, ricarichi contemporaneamente la batteria che manda il motore e l’altra di riserva, così hai sempre due batterie cariche. Avevo anche messo uno staccabatterie sul cavo (positivo) di ricarica della seconda batteria in modo da poter all’occorrenza escludere il sistema di doppia ricarica e tornare alla tradizionale alternanza. Naturalmente ogni tanto utilizzavo la seconda batteria (quella ricaricata dal secondo cavo ricarica) per avviare il motore e per i servizi, in modo da tenerle entrambe in utilizzo.
Con questo sistema le due batterie Exide mi sono durate otto anni (naturalmente mettendole saltuariamente sotto carica in inverno) e le utilizzo ancora per il verricello elettrico e per il mover.

Sull’Honda non ho purtroppo la doppia ricarica e ho dovuto sopperire con l’installazione del DVSR Bep Marine... stesso risultato ma un po’ piú complicato per l’installazione :roll:
Se sul tuo 150 Yam é previsto (mi sembra proprio che parta dal 150 in su) te lo consiglio vivamente :wink:

Avatar utente
Paolo62
Abituale
Messaggi: 4792
Iscritto il: 19/11/2007, 19:04
Gommone: Mar-co 64 Altura
Motore: Yamaha 150 CV 4T
Località: Ponte San Nicolò (Pd)

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda Paolo62 » 01/04/2018, 10:42

Ecco.... come sempre nei forum..... io invece sostengo, se le batterie sono AGM quindi è praticamente impossibile che vadano in corto, che con quel tipo di batteria si elimina l’unico problema legato al parallelo diretto. Per cui io vado di parallelo diretto dopo aver verificato, con il voltmetro in dotazione nella strumentazione del motore, che entrambe le batterie siano grosso modo uguali come voltaggio.
1967 Immagine'86 Immagine '88Immagine'05Immagine'07Immagine'10Immagine'13 Immagine

Avatar utente
ale70
Abituale
Messaggi: 1859
Iscritto il: 23/03/2010, 20:19
Gommone: coaster 650
Motore: Yamaha f150
Località: padova

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda ale70 » 01/04/2018, 16:11

il fatto per quanto mi riguarda non è tanto la paura di un corto ma la possibilità che durante le soste in cn di qualche giorno le utenze mi tirino giù la batteria fino a non riavviare il motore.

@Vincenzo, prossima volta che ho il gommone in officina ne parlo e se non è troppo indaginoso mettere mano al''impianto porto il secondo filo di ricarica alla seconda batteria.
"sembrerà paradossale ma la condizione per discutere è essere d’accordo"

Avatar utente
Paolo62
Abituale
Messaggi: 4792
Iscritto il: 19/11/2007, 19:04
Gommone: Mar-co 64 Altura
Motore: Yamaha 150 CV 4T
Località: Ponte San Nicolò (Pd)

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda Paolo62 » 01/04/2018, 19:17

ale70 ha scritto:il fatto per quanto mi riguarda non è tanto la paura di un corto ma la possibilità che durante le soste in cn di qualche giorno le utenze mi tirino giù la batteria fino a non riavviare il motore.

@Vincenzo, prossima volta che ho il gommone in officina ne parlo e se non è troppo indaginoso mettere mano al''impianto porto il secondo filo di ricarica alla seconda batteria.


Credo che se si fa campeggio sarebbe opportuno avere 2 diversi circuiti come avviene nei camper. 2 circuiti che entrano in parallelo solo in fase di ricarica con motore in moto e si aprono appena il motore si spegne. La batteria del motore serve solo il motore ed il backup della stessa è dato dalle batterie servizi. La o le batterie servizi, si sorbiscono i prelievi del frigo, delle luci, e delle altre utenze. Per chi come me e Gian o non fa, o fa cn in maniera estemporanea è, a mio avviso sufficiente , al momento della sosta, girare il commutatore 1-2-both, su una delle 2 batterie, se la sosta è di poche ore problemi non c’è ne sono, gli assorbimenti sono limitati, se la sosta dovesse prolungarsi, sempre secondo me, vanno fatti 2 circuiti separati tra servizi e motore. Il parallelo diretto per 2 batterie che servono lo stesso circuito ha anche dei vantaggi: non solo è più economico (non ha bisogno di parallelatori, ne’ di gestori del parallelo). Gli assorbimenti importanti vengono suddivisi tra 2 batterie e quindi le stesse soffrono meno, la ricarica dopo una scarica importante, fatta magari con l’alternatore, permette alla batteria di richiamare molti ampere, situazione che può danneggiare le batteria (dovrebbe valere la regola di non superare il 10% della potenza nominale,) se la facciamo in parallelo ogni batteria riesce a richiamare la metà degli ampere che fornisce l’alternatore e quindi il rischio di danneggiare le batterie praticamente sparisce. Credo che sostanzialmente entrambe le situazioni vadano bene, si tratta solo di preferenze personali. Entrambe hanno pregi e difetti ed ognuno sceglie in base alle proprie preferenze.
1967 Immagine'86 Immagine '88Immagine'05Immagine'07Immagine'10Immagine'13 Immagine

Avatar utente
Francomaffio
Abituale
Messaggi: 4471
Iscritto il: 17/02/2013, 11:41
Gommone: MV620
Motore: Suzuki 140
Località: Dalmine (BG)

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda Francomaffio » 02/04/2018, 7:34

Paolo62 ha scritto:
ale70 ha scritto:non solo è più economico (non ha bisogno di parallelatori, ne’ di gestori del parallelo).


Secondo me il costo dell'accessorio è talmente marginale rispetto ad altre velleità ed al mantenimento del natante che non vale la pena scervellarsi scrivendo pagine e pagine di post come regolarmente avviene.
Ciao Franco

Avatar utente
Paolo62
Abituale
Messaggi: 4792
Iscritto il: 19/11/2007, 19:04
Gommone: Mar-co 64 Altura
Motore: Yamaha 150 CV 4T
Località: Ponte San Nicolò (Pd)

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda Paolo62 » 02/04/2018, 7:41

Francomaffio ha scritto:
Paolo62 ha scritto:
ale70 ha scritto:non solo è più economico (non ha bisogno di parallelatori, ne’ di gestori del parallelo).


Secondo me il costo dell'accessorio è talmente marginale rispetto ad altre velleità ed al mantenimento del natante che non vale la pena scervellarsi scrivendo pagine e pagine di post come regolarmente avviene.
Ciao Franco

Se posso ottenere un risultato migliore spendendo anche meno, perché no ? E poi, se non scriviamo, come passiamo il tempo libero ?
1967 Immagine'86 Immagine '88Immagine'05Immagine'07Immagine'10Immagine'13 Immagine

Avatar utente
Francomaffio
Abituale
Messaggi: 4471
Iscritto il: 17/02/2013, 11:41
Gommone: MV620
Motore: Suzuki 140
Località: Dalmine (BG)

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda Francomaffio » 02/04/2018, 22:34

Paolo62 ha scritto:E poi, se non scriviamo, come passiamo il tempo libero ?

Navigando... )r(
:ah:

Avatar utente
ALSACS
Abituale
Messaggi: 1928
Iscritto il: 07/03/2008, 19:50
Gommone: JB CLUBMAN 26
Motore: Suzuki DF 300
Località: Padova

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda ALSACS » 03/04/2018, 8:28

ESATTO
Allegati
0D4D5B54-94AD-480F-B87F-2D024A2B4E48.jpeg
Zodiac 480 -Evinrude 737 / Sacs 590J - Honda 135 / JB Clubman 26 - Suzuki DF 300

Avatar utente
ALSACS
Abituale
Messaggi: 1928
Iscritto il: 07/03/2008, 19:50
Gommone: JB CLUBMAN 26
Motore: Suzuki DF 300
Località: Padova

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda ALSACS » 03/04/2018, 8:30

ESATTO
Allegati
C7FDDDFE-57C7-440E-BEF1-3A74010B39D9.jpeg
Zodiac 480 -Evinrude 737 / Sacs 590J - Honda 135 / JB Clubman 26 - Suzuki DF 300

Avatar utente
ale70
Abituale
Messaggi: 1859
Iscritto il: 23/03/2010, 20:19
Gommone: coaster 650
Motore: Yamaha f150
Località: padova

Re: LED 590 inverno 2017 by gian.

Messaggioda ale70 » 03/04/2018, 21:32

Paolo62 ha scritto:
ale70 ha scritto:il fatto per quanto mi riguarda non è tanto la paura di un corto ma la possibilità che durante le soste in cn di qualche giorno le utenze mi tirino giù la batteria fino a non riavviare il motore.

@Vincenzo, prossima volta che ho il gommone in officina ne parlo e se non è troppo indaginoso mettere mano al''impianto porto il secondo filo di ricarica alla seconda batteria.


Credo che se si fa campeggio sarebbe opportuno avere 2 diversi circuiti come avviene nei camper. 2 circuiti che entrano in parallelo solo in fase di ricarica con motore in moto e si aprono appena il motore si spegne. La batteria del motore serve solo il motore ed il backup della stessa è dato dalle batterie servizi. La o le batterie servizi, si sorbiscono i prelievi del frigo, delle luci, e delle altre utenze. Per chi come me e Gian o non fa, o fa cn in maniera estemporanea è, a mio avviso sufficiente , al momento della sosta, girare il commutatore 1-2-both, su una delle 2 batterie, se la sosta è di poche ore problemi non c’è ne sono, gli assorbimenti sono limitati, se la sosta dovesse prolungarsi, sempre secondo me, vanno fatti 2 circuiti separati tra servizi e motore. Il parallelo diretto per 2 batterie che servono lo stesso circuito ha anche dei vantaggi: non solo è più economico (non ha bisogno di parallelatori, ne’ di gestori del parallelo). Gli assorbimenti importanti vengono suddivisi tra 2 batterie e quindi le stesse soffrono meno, la ricarica dopo una scarica importante, fatta magari con l’alternatore, permette alla batteria di richiamare molti ampere, situazione che può danneggiare le batteria (dovrebbe valere la regola di non superare il 10% della potenza nominale,) se la facciamo in parallelo ogni batteria riesce a richiamare la metà degli ampere che fornisce l’alternatore e quindi il rischio di danneggiare le batterie praticamente sparisce. Credo che sostanzialmente entrambe le situazioni vadano bene, si tratta solo di preferenze personali. Entrambe hanno pregi e difetti ed ognuno sceglie in base alle proprie preferenze.



sulle barche della volvo oceanrace la mastervolt ha eseguito gli impianti con batterie collegate in parallelo per i motivi che hai sopra descritto
"sembrerà paradossale ma la condizione per discutere è essere d’accordo"

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.



Torna a “Il Gommone semirigido RIB”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: andrew, Bing [Bot], svago e 87 ospiti