Il "Bignami" delle eliche

Parliamo di eliche e motori fuoribordo. Tuning e manutenzione meccanica del fuoribordo
Avatar utente
Blackfin
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 10934
Iscritto il: 01/05/2005, 18:59
Gommone: Flyer 646 + Mercury 150 EFI
Motore: Mercury 150 EFI
Località: Castenaso (BO)

Il "Bignami" delle eliche

Messaggioda Blackfin » 22/03/2022, 15:58

Ritengo utile riferimento nella scelta dell'elica più adatta questo utile condensato tratto da un articolo che ho letto:
Dopo infinite ore di prove, misurazioni e osservazioni posso tranquillamente affermare che, tra le altre cose, l'elica che finalmente sceglieremo per la nostra barca deve soddisfare  contemporaneamente i seguenti 4 presupposti :
1. Abbinare le caratteristiche dell'elica al motore e allo scafo
Questo è uno dei requisiti più critici che la nostra elica deve soddisfare. Deve combaciare con lo scafo e il motore. In caso contrario, o le prestazioni della barca saranno scarse o il buon funzionamento del nostro motore sarà minato.
Per chiarire meglio, la nostra elica deve corrispondere alla potenza del nostro motore in relazione al suo rapporto di trasmissione e allo stesso tempo al tipo, lunghezza e larghezza del nostro scafo. Inoltre, non possiamo installare un'elica qualsiasi su qualsiasi motore. Né qualunque elica può spingere uno scafo qualsiasi.
Ci sono restrizioni definite dalla potenza e dal rapporto di trasmissione di ciascun motore, nonché dal nostro scafo.
Ad esempio, in un motore a bassa potenza con un albero di trasmissione relativamente sottile, non possiamo installare un'elica di grandi dimensioni, perché il carico sull'albero di trasmissione e sull'ingranaggio sarà enorme.
D'altra parte, ogni scafo richiede una certa spinta, cioè un minimo del diametro dell'elica per funzionare in modo efficiente. Se il diametro della nostra elica è inferiore al minimo richiesto, anche se abbiamo la migliore elica al mondo, le prestazioni saranno deludenti e i valori di slittamento saranno elevati.

Bign1.jpg

Ci vuole l'elica giusta per far volare qualsiasi barca con un assetto come questo.

2. L'altezza di montaggio del motore.
Al giorno d'oggi, ci sono molte eliche ben progettate e se utilizzate correttamente possono darci prestazioni uniche. Ogni elica è progettata per funzionare a specifiche altezze di montaggio del motore. Alcune eliche funzionano meglio quando corrono in profondità nell'acqua e altre quando corrono vicino alla superficie dell'acqua.
Quindi, se abbiamo un'elica progettata per funzionare vicino alla superficie e il nostro motore è posizionato in basso sullo specchio di poppa, non otterremo le massime prestazioni da quell'elica.
A parte il design dell'elica, tuttavia, ci sono alcuni principi di base che definiscono l'altezza di montaggio del motore in relazione all'elica che vogliamo abbinare. In generale, dovremmo preferire posizioni del motore più alte per le eliche con un diametro maggiore o un'area della pala complessiva maggiore rispetto alle eliche di diametro inferiore o alle eliche con un'area della pala più piccola.

3. Abbinala all'uso a cui è destinata.
Non c'è un'elica per qualsiasi uso, non importa quanto sia bello il design. Ogni elica è progettata per funzionare al meglio in determinate circostanze e in applicazioni specifiche. Alcune eliche sono progettate per raggiungere velocità massime elevate, altre per portare la barca in planata più velocemente, altre per raggiungere un'elevata alzata di poppa o di prua, altre per un migliore risparmio di carburante e altre per prestazioni migliori a bassi e medi regimi.
Ma non esiste un'elica che possa fare tutto insieme allo stesso tempo. Quindi dobbiamo scegliere la nostra elica in base al nostro obiettivo principale.

Bign2.jpg

Non saremo mai in grado di trovare l'elica giusta se non chiariamo cosa esattamente vogliamo ottenere.

Ad esempio: se il nostro obiettivo principale è un uso generale del piacere o del viaggio, che è nella stragrande maggioranza dei casi, l'utilizzo di un'elica con il diametro più grande possibile e il passo corto è la combinazione più efficiente. Naturalmente, in questo caso non otterremo la velocità massima più elevata possibile, ma otterremo enormi vantaggi ai bassi e medi regimi, una gamma in cui il nostro motore funziona per la maggior parte del tempo.
Se il nostro obiettivo è raggiungere la massima velocità finale possibile, un'elica di diametro più piccolo e passo più lungo è la chiave del successo.
Generalmente le eliche di grande diametro e passo corto hanno una grande efficienza fino a quasi 40 nodi. Dopo questa velocità, il grande diametro e il volume del cambio portano a una resistenza eccessiva.

Bign3.jpg

Nella scelta di eliche di applicazioni multimotore, i tecnici devono anche tenere conto della turbolenza proveniente dalle altre eliche.

4. Il motore deve raggiungere almeno la metà della gamma di giri min/massimi consigliata dal produttore.
Se la nostra elica non permette al motore di raggiungere il regime massimo di giri, o se il nostro motore lo supera, il buon funzionamento del motore è in pericolo, con grande rischio di danneggiamento.
Dobbiamo tenere presente che quando il nostro motore non raggiunge i suoi giri massimi al WOT, non funziona correttamente anche ai bassi e medi regimi.
Anche se una delle condizioni di cui sopra non è soddisfatta dall'elica, non c'è dubbio che il motore non funzionerà correttamente o le prestazioni dell'imbarcazione ne risentiranno. Tuttavia, se l'elica soddisfa tutti i requisiti menzionati  allo stesso tempo, sarà stato raggiunto un ottimo set-up!





Condividi



Novurania360+Envirude25/Yamaha25-NovamarineRH400+Mercury25-Stilnautica480+Suzuki 40 4T- Marshall M90 RT+Suzuki70 4T/YAMAHA 40/60
Flyer 646+Mercury Optimax 150/Mercury 150 EFI
__________________________________
Di fronte al mare cogliamo la nostra vera dimensione

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Torna a “Eliche & Motori”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Paolo.75 e 36 ospiti