Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Parliamo anche di Barche ....
Avatar utente
MacGas
Attivo
Messaggi: 40
Iscritto il: 25/12/2018, 23:42
Barca: Boston Whaler Outrage 17 - I (1991)
Motore: Evinrude ETEC 115 2017
Località: Genova

Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda MacGas » 29/04/2019, 19:17

Dopo essermi presentato passo ad un argomento più specifico riguardo alla mia nuova barca.
Come da titolo si tratta di un Boston Whaler Outrage 17 del 1991, motorizzata con un Evinrude ETEC del 2017.

Un po' di introduzione: l'Outrage 17 è un modello piuttosto raro che si collocava nella stessa fascia di dimensioni del classico Montauk 17 (solo 20 cm più lungo) ma con lo stesso scafo a V più profonda degli Outrage più grandi, e solo 30 cm più corto dell'Outrage 18 (poi chiamato 19). Dal 1990 al 1995 è stato prodotto con la carena classica disegnata dal mitico Bob Dougherty, modificata poi nel 1996 con il nuovo disegno denominato Accu-track.

Nelle foto a confronto, la carena classica del mio Outrage 17 1990-1995 e sotto la carena nuova 1996-1999 denominata Accu-track:

8.jpg
8.jpg (119.66 KiB) Visto 405 volte

6369260_20170915062448941_1_XLARGE.jpg


Per inciso la versione 1996-1999 ha buone qualità ed è una barca piuttosto diversa, autosvuotante statica e molto più pesante. Personalmente trovo però il design della carena non particolarmente riuscito nel raccordo tra la prua e i pattini laterali.

Ecco, ho già divagato... #cut# Torno al mio Outrage del 1991.

La barca va molto bene ed è costruita in modo impeccabile, trasmette un senso di solidità notevole e all'uso sembra più grande dei suoi 5,25 metri, con una qualità difficilmente riscontrabile in molte altre barche. Ciononostante in rapporto alla solidità il peso a secco non è esagerato, circa 450 kg grazie alla tecnica di costruzione dello scafo denominata Unibond che prevede l'immissione di schiuma di poliuretano che si espande con grande pressione nell'intercapedine tra scafo e coperta, relativamente sottili, rendendo lo scafo rigidissimo e inaffondabile.

Il modello però soffre un po' il peso a poppa dei moderni motori. Il range di motorizzazione previsto era di min 50 CV e max 120 CV. Parlando dei primi anni 90 si trattava di motori 2T a carburatori molto più leggeri degli attuali, per esempio un Evinrude 115 (che non era poi un campione di leggerezza) pesava c.a. 140 kg contro i 177 kg del mio ETEC 115. Secondo il responsabile commerciale per l'Italia di allora l'accoppiata migliore per la barca era il Yamaha 90 2T che con 120 Kg era il più leggero 90 CV sul mercato.

Prima di comprare la barca l'ho ovviamente provata e la prova mi ha soddisfatto, ma da fermo la barca risultava un po' appoppata.
Niente di particolare confrontandola con altre foto di Outrage 17 che ho reperito online ed anche con il conforto di altri proprietari d'oltreoceano che ho contattato tramite un forum di Whaleristi classici ma mi rimane il dubbio che l'assetto sia migliorabile.

Ecco una foto della barca in acqua (prima dello spostamento della batteria) e una durante l'alaggio in cui si vede che la linea di galleggiamento effettivo (linea di sporcizia) era inclinata rispetto alla linea dell'antivegetativa, superandola di un paio di centimetri sullo specchio di poppa:

1.jpg
1.jpg (152.73 KiB) Visto 405 volte

5.jpg
5.jpg (142.74 KiB) Visto 405 volte


Come prima cosa ho spostato nella consolle la grossa batteria che era a poppa (non ho però riscontri sul guadagno dato che la barca in questo momento è in cantiere). E penserei di spostare nella consolle anche il serbatoio dell'olio per togliere ancora 10 kg minimo, con un alleggerimento della zona a poppa di almeno 30 kg complessivi. Ma avrei deciso di vendere il motore per sostituirlo con un ETEC 90, guadagnando altri 35 kg.

ln verità il motore l'ho già messo in vendita e ora passerei anche dal vostro mercatino casomai qualcuno fosse interessato.
Quindi è un po' tardi per chiederlo... Ma secondo voi è una pazzia vendere l'ETEC 115?
Per le mie esigenze un 90 andrebbe benissimo ma mi secca che il motore che è nuovissimo, del 2017 con sole 74 ore e in garanzia ufficiale 10 anni, dunque fino al 2027. Di contro con il cambio motore (con un 90 usato ovviamente) rientrerei nel budget, che ho sforato ampiamente... )212(

E se pensassi addirittura di sostituirlo con un leggero ed economico (all'acquisto) 2T a carburatori come il bellissimo Yamaha 90?
Si, lo so... :ceer: Però di ore non ne faccio molte... Prima di bruciarmi la differenza in benzina ce ne passa, calcolando anche costi di manutenzione più bassi e certamente un miglior equilibrio nell'assetto in planata.

È possibile ipotizzare quanto potrei guadagnare al galleggiamento a poppa?
Ora gli ombrinali partono a 6 cm sotto alla linea dell'antivegetativa, possibile che con i 120 kg del Yamaha lo scafo fosse autosvuotante statico?

Ecco una foto di uno dei due ombrinali di poppa, una dall'interno (sotto al sedile laterale) dove non c'è un vero pozzetto, e una della sentina sotto al sedile di poppa centrale, dove l'acqua confluisce se gli ombrinali sono chiusi.

IMG_20190413_120842_resized.jpg

IMG_20190413_114957_resized_20190429_074456157.jpg

IMG_20190413_115023_resized_20190429_075233338.jpg


Scusate per il poema :sorry: e grazie in anticipo di vostri eventuali consigli e opinioni.





Condividi



Boston Whaler Outrage 17 1991 - Evinrude E TEC 115 2017

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


zikiki
Abituale
Messaggi: 763
Iscritto il: 01/04/2012, 18:49
Gommone: Bat 660 Indian
Motore: Mercury optimax 150
Località: roma

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda zikiki » 29/04/2019, 19:51

Ciao

Se sei sicuro che non ci sono altri problemi tipo acqua in controstampa o eventuale schiuma bagnata, direi che prima di vedere un motore nuovo me la giocherei sui pesi.
Quanto ti serve non mi sembra una quantità non colmabile ad esempio con una ventina di chili di catena per l' ancora.... Già hai spostato batteria e serbatoio dell'olio non provando la barca quindi può essere che già hai risolto.
Il 2t carburato direi proprio di no.... perché se dici che fai poche ore allora sono contemplate le ore in cui puoi sopportare un po' di appoppamento peraltro nemmeno elevato da quanto ho percepito.

Hai un motore nuovo ma chi te lo fa fare? :d:

Ciao

Avatar utente
ale70
Abituale
Messaggi: 1937
Iscritto il: 23/03/2010, 20:19
Gommone: coaster 650
Motore: Yamaha f150
Località: padova

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda ale70 » 29/04/2019, 21:14

ciao, nn ho informazioni percise da darti, ricordo che quando ho conseguito la patente nautica ho fatto l'esame pratico in 7 persone a bordo del boston 17, aveva una stabilità notevole.ricordo che il proprietario della barca diceva fosse autosvuotante, se ricordo bene aveva un 70 cv
"sembrerà paradossale ma la condizione per discutere è essere d’accordo"

Avatar utente
MacGas
Attivo
Messaggi: 40
Iscritto il: 25/12/2018, 23:42
Barca: Boston Whaler Outrage 17 - I (1991)
Motore: Evinrude ETEC 115 2017
Località: Genova

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda MacGas » 29/04/2019, 21:30

zikiki ha scritto:Se sei sicuro che non ci sono altri problemi tipo acqua in controstampa o eventuale schiuma bagnata, direi che prima di vedere un motore nuovo me la giocherei sui pesi


Ciao zikiki, sono piuttosto confidente che non ci siano problemi di acqua nello scafo (spero!). Lo scafo suona bene, uniforme, senza segni di delaminazione, non ho trovato danni e possibili vie d'acqua, tutte le viti sembrano ben sigillate... Poi tutto è possibile, e un riscontro lo avrò solo a giorni quando cambierò i passascafo in ottone. Ma la cosa che mi rende più tranquillo è il confronto fotografico con altri outrage come il mio, mi sembrano tutti appoppati allo stesso modo.

Hai ragione, il motore è nuovo, chi me lo fa fare? Beh, in primis l'idea che la barca sia più nel suo con un 90 un po' più leggero, e poi non ti nascondo che se vendessi adesso il 115 sarebbe un buon affare per me, che rientrerei un po' delle spese e per chi lo compra che prende un motore pari al nuovo. Certo, la stagione buona è iniziata e tutto dipende eventualmente anche dalle tempistiche!
Boston Whaler Outrage 17 1991 - Evinrude E TEC 115 2017

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
MacGas
Attivo
Messaggi: 40
Iscritto il: 25/12/2018, 23:42
Barca: Boston Whaler Outrage 17 - I (1991)
Motore: Evinrude ETEC 115 2017
Località: Genova

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda MacGas » 29/04/2019, 21:34

ale70 ha scritto:ciao, nn ho informazioni percise da darti, ricordo che quando ho conseguito la patente nautica ho fatto l'esame pratico in 7 persone a bordo del boston 17, aveva una stabilità notevole.ricordo che il proprietario della barca diceva fosse autosvuotante, se ricordo bene aveva un 70 cv

Ciao a te ale70, grazie mille
Boston Whaler Outrage 17 1991 - Evinrude E TEC 115 2017

miglio78
Abituale
Messaggi: 649
Iscritto il: 09/11/2016, 14:09
Gommone: novamarine hd seven
Motore: mercury verado 200
Località: latina lido

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda miglio78 » 30/04/2019, 7:48

ciao e benvenuto a bordo :clap:
sono un appasionato di barche americane anche io ma per motivi logistici ho dovuto vendere il mio fisherman e passare ad un battello dalle caratteristiche simili e farlo diventare un fisherman...
per quanto riguarda il tuo amato Boston il peso del motore a poppa e un bel problema...soprattutto se la barca resterà in acqua e non sul carrello....
se la tieni a secco puoi pure lasciare il 115 ma se deve restare in acqua la prima cosa che farei al tuo posto e spostare tutto il peso possibile più verso il centro scafo e vedere se liberi gli ombrinali....se riesci ben venga altrimenti ti consiglio anche io di montare un motore più piccolo e più leggero ...un 90 Yamaha 3cilindri sarebbe il top pero i consumi cambiano e non avrai più un motore nuovo......montando un etec 90 non alleggerisce molto la poppa rispetto al 115....
la prova da fare e mettere lo scafo in acqua e vedere se ora che hai spostato già dei pesi verso prua le cose migliorano....
in passato ho avuto problemi come nel tuo caso su più di 1 barca alla fine aumentando il peso al centro scafo e aumentando la catena dell ancora le cose cambiavano in meglio e mi permettevano di dormire sonni sereni senza pensare che al primo temporale la barca potesse affondare.....
valuta bene tutto e se hai un gavone a prua prova a mettere un sacchetto di sabbia dentro se dovesse servire per valutare l altezza dei tuoi ombrinali
complimenti per lo stupendo boston
novamarine hd seven verado 200

sergetto
Abituale
Messaggi: 980
Iscritto il: 22/07/2014, 10:45
Gommone: Novamarine RH540
Motore: Mariner 90 ELPTO

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda sergetto » 30/04/2019, 17:36

Tieni conto che anche togliendo 50 kg avresti un guadagno dei volumi immersi pari a 50 litri, ossia 50 dm cubici, ossia 0.05 metri cubi, che su una superficie proiettata immersa anche di soli 2 metri quadrati darebbero 2.5 cm di emersione rispetto alla situazione attuale.
Se in navigaziome sei soddisfatto e proprio vuoi guadagnare in galleggiamento, potresti pensare a delle plancette poppiere con volumi galleggianti sottostanti o integrati immersi e con fondo sollevato riapetto alle linee di carena.

Avatar utente
MacGas
Attivo
Messaggi: 40
Iscritto il: 25/12/2018, 23:42
Barca: Boston Whaler Outrage 17 - I (1991)
Motore: Evinrude ETEC 115 2017
Località: Genova

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda MacGas » 30/04/2019, 17:53

Ciao miglio78, grazie mille per il benvenuto e per i consigli!

In effetti una mia preoccupazione è quella che tu hai evidenziato, avere la barca non autosvuotante visto che starà per la maggior parte del tempo in acqua. Per gli americani non è un problema visto che questo genere di barche, sulla misura 17', sta al 99% su carrello, nel prato o nel garage doppio delle loro case... Non so se neppure col motore più leggero sia stata progettata per essere completamente autosvuotante statica. Dovrò tenere la pompa di sentina ben pulita e magari installare un pannellino solare di sicurezza. Fortuna che dove ho la barca c'è una webcam che la inquadra in primo piano. E fortuna che i Boston sono inaffondabili, pensa che a barca completamente sommersa c'è ancora una riserva di galleggiamento di 840 kg (da cui togliere motore e altri pesi a bordo). Rimane il fatto che piena d'acqua sarebbe un disastro...

Si, devo provare a spostare quello che riesco. Però il peso del motore secondo me incide, anche per pochi chili, vista la posizione fanno molto più di una catena dell'ancora nel gavone, che nel boston non è a estrema prua. Per ora ho spostato la batteria togliendo un buon 20 kg da poppa, ma se passassi ad un ETEC 90 toglierei altri 35 Kg... Più l'ancora a prua magari si inizia a ragionare?
Boston Whaler Outrage 17 1991 - Evinrude E TEC 115 2017

Avatar utente
MacGas
Attivo
Messaggi: 40
Iscritto il: 25/12/2018, 23:42
Barca: Boston Whaler Outrage 17 - I (1991)
Motore: Evinrude ETEC 115 2017
Località: Genova

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda MacGas » 30/04/2019, 17:56

sergetto ha scritto:Tieni conto che anche togliendo 50 kg avresti un guadagno dei volumi immersi pari a 50 litri, ossia 50 dm cubici, ossia 0.05 metri cubi, che su una superficie proiettata immersa anche di soli 2 metri quadrati darebbero 2.5 cm di emersione rispetto alla situazione attuale...


Grazie sergetto, in effetti è tutto da vedere come ho scritto prima (non avevo visto il tuo messaggio) se effettivamente la riduzione di peso a poppa possa far diventare autosvuotante una barca che probabilmente non lo è da progetto!
Boston Whaler Outrage 17 1991 - Evinrude E TEC 115 2017

Avatar utente
MacGas
Attivo
Messaggi: 40
Iscritto il: 25/12/2018, 23:42
Barca: Boston Whaler Outrage 17 - I (1991)
Motore: Evinrude ETEC 115 2017
Località: Genova

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda MacGas » 30/04/2019, 18:08

Forse è giusto che io ponga una domanda da un altra angolazione.

Posto che i benefici effettivi andrebbero valutati sul campo, provando, e tralasciando la convenienza economica per me a vendere un quasi nuovo per sostituirlo con uno di minore potenza e magari un po' più usato... 90 cavalli sarebbero buoni oppure no per un Outrage 17?

Faccio due calcoli, è una barca a V media, misure 5,25x2,04, peso a secco 450 Kg + 140 di motore + 100 benzina + 20 di batteria + 40 di ancora catena etc + diciamo 100 di balle varie = 850, abbondo a 900 Kg e aggiungo le persone a carico standard, ovvero 2 adulti 80+80 e 2 bambini 25+25 = 1100 kg che diviso 90 CV farebbe c.a. 12 kg/CV che diventerebbero 14,5 Kg/CV con l'esagerato carico di 4 adulti e 4 bambini (in teoria la barca è omologata per 8).

Cosa ne dite, potrebbero essere buoni e magari più efficienti (in proporzione) con un miglior assetto della barca?

Certo che vendere il mio, trovarne uno nuovo, montarlo, sistemare i cablaggi, trovare l'elica giusta... a maggio... non mi riempirebbe di gioia... Io comunque l'ho messo in vendita e ora passo dal mercatino per vedere se a qualcuno interessa... Anche perché viceversa è inutile stare a ragionare!

PS: quanto al vecchio Yamaha 90 2T... Ragazzi, sarò matto ma a me piace da matti quel motore!
Beve, è vero, però andrebbero fatti due calcoli anche li.
Boston Whaler Outrage 17 1991 - Evinrude E TEC 115 2017

sergetto
Abituale
Messaggi: 980
Iscritto il: 22/07/2014, 10:45
Gommone: Novamarine RH540
Motore: Mariner 90 ELPTO

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda sergetto » 30/04/2019, 18:39

Prima cosa, scordati che la barca pesi quanto dichiarato, toglitelo dalla testa, mettici una pietra sopra e l'anima in pace :rofl: :rofl: :rofl:
Secondo, non mi è chiaro se nasca o meno autosvuotante statica, dimenticati di far diventare autosvuotante statico una barca non progettata tale
Terzo
Con 90 cv ed un rapporto peso potenza di 13 dovresti avere una velocità max (secondo la formula di Crouch) compresa tra 30 e 33 nodi, ammesso e non concesso di avere la giusta elica e una corretta posizione del CG.
Morale, se come da te già affermato, la barca va bene in navigazione con la attuale situazione dei pesi, lascerei perdere l'idea di passare ad un altro motore. In tutta sincerità dubito che 50kg sul quella barca facciano una grande differenza (nel galleggiamento e come già detto)
Se invece la navigazione non ti soddisfa pienamente, valuterei l'applicazione di un paio di trim tabs elettromeccanici.
Trim tabs, e soprattutto il motore, sono riutilizzabili su altri e futuri mezzi
Ultima modifica di sergetto il 30/04/2019, 19:14, modificato 1 volta in totale.

zikiki
Abituale
Messaggi: 763
Iscritto il: 01/04/2012, 18:49
Gommone: Bat 660 Indian
Motore: Mercury optimax 150
Località: roma

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda zikiki » 30/04/2019, 19:13

MacGas ha scritto:Il modello però soffre un po' il peso a poppa dei moderni motori. Il range di motorizzazione previsto era di min 50 CV e max 120 CV. Parlando dei primi anni 90 si trattava di motori 2T a carburatori molto più leggeri degli attuali, per esempio un Evinrude 115 (che non era poi un campione di leggerezza) pesava c.a. 140 kg contro i 177 kg del mio ETEC 115. Secondo il responsabile commerciale per l'Italia di allora l'accoppiata migliore per la barca era il Yamaha 90 2T che con 120 Kg era il più leggero 90 CV sul mercato.
.


Ciao
Dai dati che ho riportato tra il 90 Yamaha e il tuo 115 ci passerebbero 57 kg...... Già hai spostato la batteria (perché una?)diciamo 15 kg (30 se ne metti due e stai pure più tranquillo) il serbatoio dell' olio 10kg?..... Ti mancherebbero 32 kg..... Se metti 20 kg di catena a prua ci dovresti essere e ti tieni il motore che è nuovo.
Tra il 90 e-tec che fa 148 kg e il tuo neanche ci penserei parliamo veramente di poca roba.

Se poi vuoi cambiare per esigenze economiche lo rispetto ma è inutile fare calcoli.

Miglio ti ha ribadito giustamente di provare così e casomai zavorri la prua per vedere la effetto che fa poi alle brutte lo venderai..... Tanto è nuovo adesso e lo sarà pure a stagione finita.

:d:

miglio78
Abituale
Messaggi: 649
Iscritto il: 09/11/2016, 14:09
Gommone: novamarine hd seven
Motore: mercury verado 200
Località: latina lido

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda miglio78 » 30/04/2019, 19:42

macgas se vuoi dormire sonni sereni o metti il Boston su di un carrello a secco o devi liberare gli ombrinali...ci sono passato più e più volte da retta che quando fa il temporale non c e sentina che regga...il pensiero va sempre lì da retta risolvi questa cosa ....

PS inaffondabile o no una volta piena d acqua sono dolori :d:
novamarine hd seven verado 200

zikiki
Abituale
Messaggi: 763
Iscritto il: 01/04/2012, 18:49
Gommone: Bat 660 Indian
Motore: Mercury optimax 150
Località: roma

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda zikiki » 30/04/2019, 19:59

miglio78 ha scritto:macgas se vuoi dormire sonni sereni o metti il Boston su di un carrello a secco o devi liberare gli ombrinali...ci sono passato più e più volte da retta che quando fa il temporale non c e sentina che regga...il pensiero va sempre lì da retta risolvi questa cosa ....

PS inaffondabile o no una volta piena d acqua sono dolori :d:

Ciao Emiliano

Ma se è solo un discorso di pesi non pensi che facendo delle prove come consigliato da entrambi si possa risolvere?
Perché se così non è,mi baso sul tuo scetticismo, allora gli ombrinali non escono fuori nemmeno se mette il 90.....non conosco affatto la barca e mi rifaccio al tuo sapere ma vuoi o non vuoi a costo di appesantire la prua la poppa dovrà per forza di cose uscire..... Qualche kg in più a bordo ma pure un motore alquanto potente che li potrà sopportare facilmente.

:d:

miglio78
Abituale
Messaggi: 649
Iscritto il: 09/11/2016, 14:09
Gommone: novamarine hd seven
Motore: mercury verado 200
Località: latina lido

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda miglio78 » 30/04/2019, 20:03

ciao Diego certo bisogna fare delle prove come gli suggerivo nel mio primo post....spero per lui che libera gli ombrinali ma la vedo dura e sapere di avere in porto una barca che non è totalmente autosvuotante non ti fa dormire più la notte ...bisogna valutare e provare questo solo lui potrà farlo.....
aggiungo se mai decidessi di sostituire il motore vedi pure tohatsu tldi 70 oppure un 90
novamarine hd seven verado 200

Avatar utente
Francomaffio
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 4737
Iscritto il: 17/02/2013, 11:41
Gommone: MV620
Motore: Suzuki 140
Località: Dalmine (BG)

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda Francomaffio » 30/04/2019, 22:42

zikiki ha scritto:Ciao
Dai dati che ho riportato tra il 90 Yamaha e il tuo 115 ci passerebbero 57 kg...... Già hai spostato la batteria (perché una?)diciamo 15 kg (30 se ne metti due e stai pure più tranquillo) il serbatoio dell' olio 10kg?..... Ti mancherebbero 32 kg..... Se metti 20 kg di catena a prua ci dovresti essere e ti tieni il motore che è nuovo.
Tra il 90 e-tec che fa 148 kg e il tuo neanche ci penserei parliamo veramente di poca roba.

Se poi vuoi cambiare per esigenze economiche lo rispetto ma è inutile fare calcoli.

Miglio ti ha ribadito giustamente di provare così e casomai zavorri la prua per vedere la effetto che fa poi alle brutte lo venderai..... Tanto è nuovo adesso e lo sarà pure a stagione finita.

:d:


Son d'accordo sul fare le prove prima di decidere ma.... zavorrando si riallinea il galleggiamento affondando la parte sollevata, togliendo peso si riallinea il galleggiamento sollevando la parte affondata.
Mi pare una bella differenza nel caso in questione!
Ciao Franco
Bombard 380 - Zar 43 . MV 620

zikiki
Abituale
Messaggi: 763
Iscritto il: 01/04/2012, 18:49
Gommone: Bat 660 Indian
Motore: Mercury optimax 150
Località: roma

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda zikiki » 30/04/2019, 23:42

Si .... In effetti è come dici tu.

Il fatto degli ombrinali l' ho capito dopo mi ero soffermato solo sulla noia in navigazione di un assetto appoppato.
Quindi diciamo che per quanto riguarda il funzionamento dell autovuotante non risolvi niente ma per l' assetto si .

Rileggendo con più attenzione e vedendo quanto manca per portare gli ombrinali fuori dall'acqua ,mi rimane difficile credere che anche con il 90 Yamaha da 120 kg la barca possa essere autosvuotante statica..... Chiaramente sono impressioni e supposizioni.

Ciao

Avatar utente
Francomaffio
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 4737
Iscritto il: 17/02/2013, 11:41
Gommone: MV620
Motore: Suzuki 140
Località: Dalmine (BG)

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda Francomaffio » 01/05/2019, 0:08

zikiki ha scritto:Si .... In effetti è come dici tu.

Il fatto degli ombrinali l' ho capito dopo mi ero soffermato solo sulla noia in navigazione di un assetto appoppato.
Quindi diciamo che per quanto riguarda il funzionamento dell autovuotante non risolvi niente ma per l' assetto si .

Rileggendo con più attenzione e vedendo quanto manca per portare gli ombrinali fuori dall'acqua ,mi rimane difficile credere che anche con il 90 Yamaha da 120 kg la barca possa essere autosvuotante statica..... Chiaramente sono impressioni e supposizioni.

Ciao

:bene: :iagree:
Bombard 380 - Zar 43 . MV 620

Avatar utente
LuigiMass
Abituale
Messaggi: 305
Iscritto il: 11/09/2016, 14:06
Gommone: Salpa Soleil 23
Motore: Suzuki DF 200A
Località: Lecce

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda LuigiMass » 01/05/2019, 7:00

zikiki ha scritto:Si .... In effetti è come dici tu.

Il fatto degli ombrinali l' ho capito dopo mi ero soffermato solo sulla noia in navigazione di un assetto appoppato.
Quindi diciamo che per quanto riguarda il funzionamento dell autovuotante non risolvi niente ma per l' assetto si .

Rileggendo con più attenzione e vedendo quanto manca per portare gli ombrinali fuori dall'acqua ,mi rimane difficile credere che anche con il 90 Yamaha da 120 kg la barca possa essere autosvuotante statica..... Chiaramente sono impressioni e supposizioni.

Ciao

Permettimi ( :off:): correggere un assetto appoppato appesantendo la prua può essere un rimedio peggiore del male (e anche molto...). Fine O. T.

miglio78
Abituale
Messaggi: 649
Iscritto il: 09/11/2016, 14:09
Gommone: novamarine hd seven
Motore: mercury verado 200
Località: latina lido

Re: Boston Whaler Outrage 17 1991, repowering

Messaggioda miglio78 » 01/05/2019, 7:05

Diego su quello scafo se toglie quell etec e monta un motore più leggere escono gli ombrinali....
il mio discorso di mettere peso a prua come dicevo un sacchetto di sabbia da 20 25kg nel gavone serve per far alzare la poppa da fermo non perché naviga appoppato ....
stiamo parlando di una barca di 525cm io non gli metterei mai in 115 se dovessi avere problemi di questo tipo ....
le prove da fare almeno io farei cosi:
provare a metterla in acqua ora dopo aver spostato i pesi e vedere se si solleva o no....
se non si solleva o togli il motore e provi ad istallare un peso di 100kg a poppa e vedi cosa succede ...oppure devi evitare di lasciarla in acqua rischio pioggia affondamento....
le strade da percorrere per risolvere ci sono ...alle brutte decidere se tenere il motore nuovo e montarlo su scafo adeguato oppure viceversa motore piccolo a che un 70 ma risolvere il discorso ombrinali e godersi la barca fissa in porto senza pensieri di pioggia
novamarine hd seven verado 200

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.



Torna a “Barche a motore”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti