Addio al Diesel? E i nostri “trattori"?

Tra motrici e rimorchi chi fermerà il gommonauta ?

Moderatore: Marco4x4

Avatar utente
Blackfin
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9749
Iscritto il: 01/05/2005, 18:59
Gommone: Flyer 646 + Mercury 150 EFI
Motore: Mercury 150 EFI
Località: Castenaso (BO)

Addio al Diesel? E i nostri “trattori"?

Messaggioda Blackfin » 01/03/2018, 13:04

Avrete sentito come sia in atto una vera e propria guerra al diesel per autotrazione, accusato di inquinare, specie per quanto riguarda ossido di azoto e particolato. Considerate le caratteristiche di erogazione della coppia a basso numero di giri e di costo del carburante (da una tonnellata di greggio si ricava molto più gasolio che benzina) che lo rendono imbattibile da parte dei motori a ciclo Otto (a benzina ad accensione con candele) ci si chiede quale futuro attende i nostri autoveicoli (specie usati come trattori) e i nostri camper.
A parte l’imminente (si parla dell’anno prossimo) interessante novità della Mazda col suo propulsore Active X turbocompresso ad autoaccensione di benzina che promette un importante miglioramento in termini di coppia e consumi (però a benzina) il futuro dei veicoli ricreativi come quelli citati appare grigio. Il ricorso a motori diesel a metano già anticipato per i veicoli industriali e che promettono un importante miglioramento sul fronte dell’inquinamento e del ricorso a energie rinnovabili appare quantomeno problematico su veicoli leggeri per la necessità di trasportare il metano allo stato liquido con pesi ed ingombri incompatibili, almeno al momento.
Segnalo però che potrebbe aprirsi una importante possibilità che al momento ha visto qualche realizzazione nel campo dei mezzi pubblici urbani, in particolare a Treviso (sarebbe interessante anche conoscerne l’esito).

Parlo di mezzi a trazione elettrica con autonoma generazione di elettricità attraverso l’utilizzo di microturbine a gas metano. Sarebbe “l’uovo di colombo” in quanto notoriamente i motori elettrici sono caratterizzati da coppia massima già a 0 giri, è possibile utilizzarli con due/quattro unità uno/due per assale (quindi con trazione 4x4) e le turbine a gas sono caratterizzate da:
- impareggiabile rapporto peso/potenza;
- assenza di vibrazioni
- elevato rendimento termico/meccanico per l’assenza di masse in moto alternativo
Fantascienza? Leggete qua (tratto da: https://www.lifegate.it/persone/stile-d ... ca-turbina):

La turbina produce 36 kWh di energia
La start-up cinese Techrules, sussidiaria del gruppo specialista in tecnologie aerospaziali TXR-S, ha l’ambizioso obiettivo di rivoluzionare il mondo della propulsione elettrica, dilatando in modo eccezionale la percorrenza media delle vetture a ridotte emissioni grazie alla ricarica a turbina delle batterie. Cuore del progetto Trev (Turbine Recharging Electric Vehicle) è un sistema ibrido – o meglio elettrico ad autonomia estesa, con il motore termico, come accennato, deputato esclusivamente alla rigenerazione delle batterie – forte di una micro turbina di derivazione aerospaziale che muove il generatore destinato alla ricarica delle celle che alimentano i propulsori elettrici. La turbina, nello specifico, raggiunge lo stratosferico regime di 96.000 giri/min, produce 36 kWh d’energia e pesa 100 kg, garantendo una ricarica completa in 15 minuti.


TechrulesAT96-09-1140x493.jpg

2.000 km d’autonomia con le batterie al litio-manganese
Le elevate prestazioni del sistema di ricarica a turbina sono rese possibili da raffinatezze tecniche che abbattono radicalmente gli attriti quali l’adozione di cuscinetti ad aria compressa anziché lubrificati per separare l’albero motore dai propri supporti e il ricorso a un campo magnetico per determinare l’esatta collocazione dell’albero motore stesso. Innovazioni cui si affiancano accumulatori altrettanto rivoluzionari, al litio-biossido di manganese, per un’autonomia dichiarata di 2.000 km. Un risultato sinora impensabile, specie considerando che ottenuto in abbinamento a due prototipi high performance quali i modelli Techrules AT96 e GT96. Sigle costituite dalle iniziali di Aviation Turbine e Gas Turbine che identificano rispettivamente una concept car da competizione con turbina alimentata mediante carburanti liquidi e una supercar stradale a trazione integrale con turbina a gas.


Turbina x ricarica batterie.jpg


ecco il video:



e i consumi? :mrgreen:

Oltre 150 km in modalità puramente elettrica
Forti della carrozzeria e della struttura monoscocca in carbonio, così da contenere il peso in 1.380 kg, le concept sportive Techrules possono contare su di un’autonomia di oltre 150 km in modalità puramente elettrica, vale a dire senza che la turbina entri in funzione per la ricarica delle batterie, e consumano mediamente 0,18 litri di benzina ogni 100 km. Saranno il futuro? I prossimi anni daranno risposta a questa domanda, dato che la factory cinese conta di passare dalla prototipazione alla produzione in piccola serie della supercar GT96, per poi dedicarsi a modelli più popolari grazie alla partnership con un costruttore europeo interessato alla tecnologia di rigenerazione delle celle.

Qui si parla di benzina ma è notorio che le turbine possono essere alimentate da cherosene, metano, biogas etc.





Condividi



Novurania360+Envirude25/Yamaha25-NovamarineRH400+Mercury25-Stilnautica480+Suzuki 40 4T- Marshall M90 RT+Suzuki70 4T/YAMAHA 40/60
Flyer 646+Mercury Optimax 150/Mercury 150 EFI
__________________________________
Di fronte al mare cogliamo la nostra vera dimensione

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
Cerri
Abituale
Messaggi: 9003
Iscritto il: 18/11/2007, 10:50
Gommone: BELUGA PERONDI 19"
Motore: suzuki 115
Località: Como

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda Cerri » 01/03/2018, 13:25

Mi chiedevo come fanno ad andare i camion e tutti i mezzi che vanno a gasolio :ask:
Già perchè le navi da crociera non inquinano cosi come i traghetti e tutte le navi in circolazione sss_xxx-sss

Avatar utente
KOSLINE
Abituale
Messaggi: 1880
Iscritto il: 20/04/2013, 20:29

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda KOSLINE » 01/03/2018, 14:11

I diesel dovevano rimanere sulle grandi cubature, invece sono stati messi anche nelle utilitarie, ormai tutte le case li stanno abbandonando non riescono a stare nei limiti di legge.

EV è il futuro? in parte è già il presente, ormai ci stanno sbarcando tutti i più grossi costruttori, oltre a inquinare meno fanno anche meno rumore, nelle città un toccasana, ma sarà una transizione lunga sta ancora tanto lavoro da fare (e costi da abbattere).

Mio consiglio non comprate diesel nuovi che saranno svalutati a certi livelli cosmici nei prossimi 5 anni.. ;-)

Avatar utente
achilles380
Abituale
Messaggi: 2671
Iscritto il: 02/02/2011, 15:33
Gommone: honwave t 35ae
Barca: kayak viamare 400xxl
Motore: MERCURY F6 MH MY2018
Località: milazzo
Contatta:

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda achilles380 » 01/03/2018, 14:24

comprata il 25 dicembre 2017 la ka plus a benzina :D devo dire che ho fatto l'affare.
Sisi un affarone in quanto tutti insistevano,... no prendi il diesel va meglio non consuma e' meglio vai di diesel.... se li ascoltavo e prendevo la dacia duster 15 diesel :wall:
Io ho letto,nel 2022 verranno chiusi gli erogatori diesel , e chi ha la macchina :confus: e pure la paga a rate un nuovo tdi metti caso :ask: quale immensa fregatura.
Avvisare meglio e prima, ora i diesel solo per uso industriale come il 2t per la pesca-lavoro si per diporto no .
per chi ha entroborbo diesel ora come fara'?? a spese proprie converte a benzina
ma io per ora mi curo il 4cv 2 t e poi vedremo se saremo costretti all'eletrico o gpl pure in mare :cost:

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
achilles380
Abituale
Messaggi: 2671
Iscritto il: 02/02/2011, 15:33
Gommone: honwave t 35ae
Barca: kayak viamare 400xxl
Motore: MERCURY F6 MH MY2018
Località: milazzo
Contatta:

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda achilles380 » 01/03/2018, 14:29

ecco le soluzioni :shock:
http://www.powerseasaver.com/
la toatsu li vende pure gia trasformati gpl in diporto distributori di gpl al molo :shock:
http://www.boatmag.it/23234-bombard-ax- ... -mfs5-gpl/
gommone e bombolone strano sotto il sole a 45 gradi . in sicilia manco all'ombra si potra' sss_xxx-sss fa paura a pensarlo come sfiatera?e come si mantiene fresco :ask:
Ultima modifica di achilles380 il 01/03/2018, 14:34, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
KOSLINE
Abituale
Messaggi: 1880
Iscritto il: 20/04/2013, 20:29

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda KOSLINE » 01/03/2018, 14:29

nel 2022 non verranno chiusi gli erogatori diesel, tranquilli come dicevo la transizione è lunga, ma in molte città ci saranno blocchi vari per i diesel e le no euro 6. Questo porterà il mercato a deprezzarle, anche perché le case stanno rinvestendo sui motori a benzina, elettrico, ed ibrido (benzina-elettrico).

Anche sui camion-furgoni stanno per approdare sul mercato modelli EV, per adesso quelli a corto raggio che fanno consegne in città.

Anche il mondo marino è in transizione, ma li ci vuole più tecnologia (e più tempo), le batterie per adesso non sono adeguate a coprire il todos, ma si stanno vedendo sempre più modelli ed ibridi, come sappiamo la nautica arriva sempre dopo il comparto automobilistico.

Secondo uno studio appena uscito della Cambridge Econometrics:

"Le auto elettriche e ibride faranno il 50% del mercato nel 2030, e nel 2050 pressoché tutte le vetture vendute in Europa saranno a zero emissioni."

Lo trovate qua: http://www.qualenergia.it/articoli/2018 ... o-nel-2030

Avatar utente
Paolo62
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 4949
Iscritto il: 19/11/2007, 19:04
Gommone: Mar-co 64 Altura
Motore: Yamaha 150 CV 4T
Località: Ponte San Nicolò (Pd)

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda Paolo62 » 01/03/2018, 14:46

Io dico solo che spero non spariscano a breve i motori endotermici in genere. Altrimenti vedremo dove andrà a finire l'occupazione ( o la disoccupazione!) Io ho l'auto diesel e ovviamente anche il camper. Le altre 2 auto di famiglia sono a benzina. Sarà dura la transizione, nel senso che le prestazioni di un diesel in termini di autonomia, elasticità e basso consumo sono difficilmente replicabili. A mio parere c'è qualcosa dietro, i problemi non sono solo tecnici. A Padova, il 6 Gennaio, sono stati riscontrati valori elevatissimi di PM 10. Già peccato che non era successo che tutti i proprietari di diesel si erano messi a girare a vuoto, semplicemente, durante la notte, erano state "bruciate" molte "Vecchie" in giro per la città e così il valore del particolato si era alzato di molto. "Bruciare la Vecchia" in veneto vuol dire fare una pira di legna sopra alla quale viene posta una "befana". Al tutto viene dato fuoco. Non oso pensare alle varie stufe a legna e a pelle che vengono usate quotidianamente.

Lo scorso weekend per una trasmissione televisiva (non ricordo quale) un esperto diceva che se oggi, il parco auto fosse prevalentemente elettrico, ci troveremo con un valore di inquinanti più alto di quanto non sia ora a causa dello scarso sviluppo delle tecnologie di produzione della stessa energia. Quindi meglio così che tutto elettrico. Ora io non so se sia vero, però credo che prima di preoccuparci della sparizione del diesel passeranno ancora diversi anni. Poi sono d'accordo che sia demenziale produrre diesel destinati all'uso cittadino. Tutto il proliferare di diesel do bassa cilindrata per i percorsi brevi è sbagliato. Ma per chi come me fa tanta strada, al momento, il diesel è insostituibile. Se dovessi cambiare auto ora, acquisterei nuovamente un diesel. Magari ottenendo uno sconto maggiore rispetto a qualche anno fa.
1967 Immagine'86 Immagine '88Immagine'05Immagine'07Immagine'10Immagine'13 Immagine

Avatar utente
KOSLINE
Abituale
Messaggi: 1880
Iscritto il: 20/04/2013, 20:29

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda KOSLINE » 01/03/2018, 15:08

L'inquinamento (specie nelle nostre città) è una somma di vettori, i mezzi di trasporto sono solo una parte.

Ma Paolo quel "tecnico" mente, già oggi un ciclo EV inquina meno di un ciclo Ice (a combustione), anche se lo alimenti da generatori Diesel. Perchè il rendimento è notevolmente inferiore in un ICE, oltre ad altri fattori.

A questo devi aggiungere che produciamo sempre più energia rinnovabile (il migliore accoppiamento), ma naturalmente queste devono essere transizioni a lungo termine, tutto va adeguato ecc, insomma ci vuole tempo.

Dipende dove vivi oggi e certo anche cosa fai, ma conosco amici rappresentanti e tassisti che utilizzano: Tesla, leaf, Zoe, viaggiano e camminano dalla mattina alla sera in EV (e stanno risparmiando anche bei soldini). Io stesso utilizzo una Tesla e una Smart EV quando sto in nord europa. ;-)

Avatar utente
Paolo62
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 4949
Iscritto il: 19/11/2007, 19:04
Gommone: Mar-co 64 Altura
Motore: Yamaha 150 CV 4T
Località: Ponte San Nicolò (Pd)

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda Paolo62 » 01/03/2018, 15:38

KOSLINE ha scritto:L'inquinamento (specie nelle nostre città) è una somma di vettori, i mezzi di trasporto sono solo una parte.

Ma Paolo quel "tecnico" mente, già oggi un ciclo EV inquina meno di un ciclo Ice (a combustione), anche se lo alimenti da generatori Diesel. Perchè il rendimento è notevolmente inferiore in un ICE, oltre ad altri fattori.

A questo devi aggiungere che produciamo sempre più energia rinnovabile (il migliore accoppiamento), ma naturalmente queste devono essere transizioni a lungo termine, tutto va adeguato ecc, insomma ci vuole tempo.

Dipende dove vivi oggi e certo anche cosa fai, ma conosco amici rappresentanti e tassisti che utilizzano: Tesla, leaf, Zoe, viaggiano e camminano dalla mattina alla sera in EV (e stanno risparmiando anche bei soldini). Io stesso utilizzo una Tesla e una Smart EV quando sto in nord europa. ;-)


No, io non so se quanto affermato da quel tecnico sia o non sia vero, credo anche di averlo scritto ! Però la Tesla ha 400 Km di autonomia a 90 Km/h (almeno questo è il dato che mi diedero quando andai a vederla in concessionaria, sono passati 2 anni, ma non credo sia cambiato di molto) e io almeno una volta alla settimana faccio 5-700 km in un giorno. Cosa faccio, mi fermo a metà ed attendo che si ricarichi ? Poi, anche qui da me a Padova i punti di ricarica sono pochissimi e ricaricarla a casa non potrei per i lunghi tempi con il carico disponibile o per il notevole incremento dei costi/KW con un carico superiore. A prescindere da questo aspetto che ho esaminato solo superficialmente, l'autonomia è ancora al momento il vero limite. Mia moglie ha una smart a benzina pagata, nuova, 10.500 Euro, la elettrica ne costa 23.000 di base. Spendiamo 6-700 euro di benzina all'anno, quando mai recupererò la differenza di prezzo ? E la durata delle batterie ?? Qui ci sono ancora molti dubbi. Io sono convinto che la trazione elettrica sia la soluzione giusto per la mobilità a corto raggio, ma al momento non è ancora conveniente. Sono propenso a pensare che alimentazione mista o un moto generatore endotermico abbinato a motori elettrici (sulla falsariga di molte navi) sia una soluzione più immediata, pur se ancora da perfezionare. In questo caso si ottimizza il rendimento del motore endotermico massimizzandone la produzione elettrica senza limitare l'autonomia del mezzo.
Per i camper non vedo soluzioni alternative a breve. Il mercato oggi non offre praticamente nulla salvo qualche tentativo isolato di benzina/GPL (mi pare Arca). Va considerato che girano ancora veicoli Euro"0" molti dei quali possono circolare anche quando ci sono limitazioni alla circolazione in quanto considerati d'epoca". Credo sia un'assurdità tutta italiana, però è così.
1967 Immagine'86 Immagine '88Immagine'05Immagine'07Immagine'10Immagine'13 Immagine

Avatar utente
Blackfin
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 9749
Iscritto il: 01/05/2005, 18:59
Gommone: Flyer 646 + Mercury 150 EFI
Motore: Mercury 150 EFI
Località: Castenaso (BO)

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda Blackfin » 01/03/2018, 15:56

Di recente mi è capitato di ascoltare una trasmissione radio nella quale un tecnico, con una valutazione "speditiva" asseriva che, se per ipotesi tutti i veicoli che in Italia circolano con motori endotermici attingessero alla rete per alimentare le proprie batterie, il fabbisogno di energia elettrica in Italia crescerebbe del 20 - 25 %. Consideriamo anche che, anche a causa del rifiuto del nucleare (oltre che per le tasse), in Italia il costo dell'energia elettrica è molto maggiore che nel resto d'Europa. Per esempio, in Croazia, quando si affitta un appartamento si nota che in cucina non esistono fornelli a gas ma solo elettrici. Per questo penso che la soluzione più vicina risieda in veicoli alimentati a metano con motori elettrici. Ecco il caso da me citato per Treviso:

BUS_IBRIDI_560.jpg
BUS_IBRIDI_560.jpg (39.87 KiB) Visto 1909 volte


Dal sito http://www.metanoauto.com/modules.php?n ... e&sid=4145

I primi autobus a zero emissioni, grazie all'innovativo motore ibrido a turbina, sono anche made in Treviso. I "Clean & Green" nascono da progetto che si avvale dalla collaborazione tra Ibt Group, azienda della Green Economy specializzata in sistemi di autoproduzione energetica e partner esclusivo per l'Italia di Capstone Turbine Corporation con sede a Treviso, e Omb International, società del Gruppo Brescia Mobilità controllata dal Comune di Brescia.

Il progetto si articola nella realizzazione di una flotta di autobus ecologici ibridi Zev, ovvero Zero Emission Vehicles, costruiti sfruttando l'innovativa tecnologia Capstone che sfrutta la tecnologia aeronautica e impiega come motore addizionale una microturbina cogenerativa a gas che ne fa gli autobus con le emissioni più basse in Italia.

Questa partnership rappresenta la prima realtà in Italia in possesso del know-how per produrre questi particolari autobus ibridi che sono dotati di un generatore di energia elettrica collegato ad una microturbina alimentata a metano, segnano un nuovo traguardo per il livello di emissioni più basso in Italia per questo tipo di trasporti e l'estrema silenziosità che li rendono i veicoli perfetti per la mobilità urbana.

Si tratta di un ambizioso progetto che va ad inserirsi in un più ampio piano strategico di Omb che, con il supporto dell'amministrazione comunale, intende promuovere un distretto industriale di innovazione produttiva volto a creare sistemi di mobilità sostenibile sempre più compatibili con le esigenze ambientali di cui il nostro Pianeta ha bisogno. L'azienda trevigiana si è dimostrata un partner significativo per portare avanti l'iniziatica come spiega Marco Medeghini, presidente di Omb.

«Abbiamo trovato in Capstone il partner ideale per la realizzazione di prodotti innovativi e tecnologicamente avanzati, insieme ad un approccio integrato all'ambiente; assi cardine sui quali investiamo quotidianamente per lo sviluppo concreto e sostenibile dei nostri servizi dedicati all'igiene urbana. Stiamo realizzando, infatti, autobus ibridi che ci consentiranno di acquisire esperienza e skills utili alla realizzazione futura di mezzi per l'igiene urbana sempre più efficienti a zero emissioni».

Ora la flotta di autobus ibridi con tecnologia Capstone, che andrà ad affiancare e aggiornare gli otto metri già prodotti in passato da Ept, si arricchirà di nuovi modelli. L'obiettivo è di incrementare considerevolmente le unità annue prodotte destinate al mercato domestico e internazionale con particolare attenzione a Paesi quali Spagna, Emirati Arabi, Olanda, Cile, Gran Bretagna. Prove di durata ed efficienza di questa peculiare soluzione sono già in corso in Spagna con feedback altamente positivi.
Novurania360+Envirude25/Yamaha25-NovamarineRH400+Mercury25-Stilnautica480+Suzuki 40 4T- Marshall M90 RT+Suzuki70 4T/YAMAHA 40/60
Flyer 646+Mercury Optimax 150/Mercury 150 EFI
__________________________________
Di fronte al mare cogliamo la nostra vera dimensione

Avatar utente
KOSLINE
Abituale
Messaggi: 1880
Iscritto il: 20/04/2013, 20:29

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda KOSLINE » 01/03/2018, 16:00

o, io non so se quanto affermato da quel tecnico sia o non sia vero,


Ci sono ricerche fatte dalle migliori università mondiali in merito. Ma ognuno poi la pensa come vuole. ;-)

Le ricariche, come dicevo dipende dove uno abita, in Italia adesso si stanno diffondendo le colonnine Fast, ma stiamo ancora indietro , in centro e nord Europa siamo pieni e stanno uscendo come i funghi, io mi muovo alla grande in EV.

Tesla è un capitolo a parte perché (oltre a poter ricariche dalle pubbliche) ha una sua rete privata di ricariche (e ad oggi ancora gratuita).

Si in due anni sono cambiate diverse cose non esistevano i modelli nuovi più preformanti. io con una ModelS p100d faccio senza problemi 450km in autostrada , 500 in superstrada. ci sta anche la versione a singolo motore che fa più km, e sono uno con il piede pesante.

dove ricarico e come ricarico?

27294350_10213718629393606_537695691_n.jpg
27294350_10213718629393606_537695691_n.jpg (125.83 KiB) Visto 1903 volte


Quelli in foto rossi sono i Supercharger che ti fanno ricaricare a 130kwh , sono disposti strategicamente nei piazzali spesso di ristoranti-hotel o centri commerciali (vicino alle arterie di viaggio). Praticamente in viaggio ti fermi a mangiare e in 40 minuti ti sei ricaricato all 100%, altrimenti in 20 minuti carichi un 50% e via.

Poi ci sono i Destination Charging che sono quelli in foto Grigi, quelli sono istallati negli hotel , mentre pernotti si ricarica la macchina.

La rete è in forte espansione solo due anni fa era la metà.

I costi, nella fascia premium (dove si colloca Tesla) ormai siamo a pareggio, ora anche con la fascia media ci stanno arrivando (in America è già sbarcata la Model3 ) e tante case costruttrici stanno sbarcando come il gruppo VW , Jaguar , volvo, MB..

Una Smart very non conviene oggi in Italia, noi azienda straniera è diverso, oltre ad incentivi abbiamo sgravi e non paghiamo le ricariche ,se a questo aggiungi costi di manutenzione irrisori , si alla fine della giostra ci conviene anche. Ma in Germania abbiamo preso 7k solo di incentivi.

Ci vorranno almeno 5 -7 anni per le utilitarie.

Stamane hanno inaugurato questa: https://fastned.nl/en/blog/post/fastned ... adstations

Nei pressi di Amsterdam (sulla A8), la prima stazione di ricarica con colonnine da 350kw , dei mostri ricarichi 500km circa in 15 minuti. E stano uscendo macchine che si potranno caricare con quella potenza (oltre a furgoni e camion), per l'esattezza Audi E-TRON (un Suv che sarà presentato a breve) e Porsche Mission-e la prima sportiva elettrica di Porsche.

I camper ci vogliono un 3 anni circa per vedere qualcosa di decente, essendo costruiti sui furgoni (che stanno uscendo) ci vuole un tantino ancora.

Naturalmente il mio non è devi prenderti un EV Paolo :halo: ma le cose stano cambiando, e già oggi in varie parti del mondo (o chi non ha limiti di lavoro esigenze stringenti ecc) la movimentazione EV è già una realtà, e io personalmente ad esempio giù a Taranto non utilizzo EV.

;-)
Ultima modifica di KOSLINE il 01/03/2018, 16:33, modificato 8 volte in totale.

Avatar utente
KOSLINE
Abituale
Messaggi: 1880
Iscritto il: 20/04/2013, 20:29

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda KOSLINE » 01/03/2018, 16:11

Blackfin ha scritto:
I primi autobus a zero emissioni, grazie all'innovativo motore ibrido a turbina, sono anche made in Treviso. I "Clean & Green" nascono da progetto che si avvale dalla collaborazione tra Ibt Group, azienda della Green Economy specializzata in sistemi di autoproduzione energetica e partner esclusivo per l'Italia di Capstone Turbine Corporation con sede a Treviso, e Omb International, società del Gruppo Brescia Mobilità controllata dal Comune di Brescia.


Questi signori mentono sapendo di mentire, zero emissioni un paio di fuffole. Cmq meglio dei diesel.. ;-)

La rete non ci sta nessun problema anche qui abbiamo portato avanti vari studi di settore in merito. Anche perché la transizione non è immediata, e la crescita è compensata (addirittura) può essere aumentata dalle energie rinnovabili, che sempre di più si stanno istallano in Italia-Europa.

Purtroppo si vuole far passare il messaggio che il Gas sia non inquinante, lo chiamano "naturale" "green" ecc, cosi non è ...

La migliore soluzione (che non è ad impatto zero anch'essa) energia rinnovabile - EV , poi sistemi ibridi come questo certo. ;-)

Avatar utente
Saxthemax
Il Gommonauta tirolese
Il Gommonauta tirolese
Messaggi: 14090
Iscritto il: 02/05/2005, 7:11
Gommone: Mar.Co Altura 53
Motore: Mercury F40 EFI Orion
Località: Bolzano
Contatta:

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda Saxthemax » 01/03/2018, 16:45

Quando ricomprerò un'auto (se e quando...) sarà un testa a testa tra ibrida o elettrica....
Peraltro la mia mobilità sarà quasi esclusivamente cittadina o brevissime distanze.
Per il camper la vedo dura... Sicuramente non ne comprerò mai uno nuovo e quando penserò di cambiare l'attuale ancora presumibilmente non ci sarà un'adeguata offerta sull'usato...
In ogni caso come quasi tutte le cose che coinvolgono troppe dinamiche penso che non basterà la mia vita per vederle a compimento....
i miei gommoni....
Immagine

Avatar utente
ale70
Abituale
Messaggi: 1938
Iscritto il: 23/03/2010, 20:19
Gommone: coaster 650
Motore: Yamaha f150
Località: padova

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda ale70 » 01/03/2018, 16:46

mah...improvisamnete tutta questa fretta di mettere al bando il disel?
non voglio essere sospettoso ma stabilire la fine del disel ancora prima di avere reali soluzioni a listino mi sembra un attaggiamento dettato dalla fretta ,ma fretta per che cosa?
chi ha fretta? gli ecologisti? nn credo... usano anche loro la macchina per andare a lavorare... trattasi forse di una nuova fase speculativa sulle nuove tecnologie?
indurre un cambio di prospettiva di questo genere probabilmente significa ridurre il vantaggio competitivo di molte case automobilistiche sopratutto del vecchio continente.
Se nn sbaglio il paese con lle misure più restrittive su tematiche ambientali è la california come guarda caso l'origine dello scandalo diselgate che se ricordo bene ha avuto origine sempre da quelle parti...
aziende come Tesla trarranno sicuramente grossi vantaggi, forse questa una strategia sotto "bandiera ecologica" per un nuovo sviluppo del settore automobilistico dei prossimi anni...
scusate ma Tramp non era quello che se ne fregava dei problemi ambientali? non diceva America first?

e del resto chi di noi adesso comprerebbe azioni vw o mercedes? pochi... le tesla le comprereste? queste si,certo... e quindi a breve nuovi flussi di denaro saranno dirottati verso queste nuove aziende che si troveranno ad essere superfinanziate
l'ovvia preoccupazione dell'uomo della strada mancando solo 4 anni al 22 è quella di trovarsi quasi subito con valore residuo del mezzo pari a 0
staremo a vedere come andranno le vendite disel già nei prossimi mesi...
"sembrerà paradossale ma la condizione per discutere è essere d’accordo"

Avatar utente
ale70
Abituale
Messaggi: 1938
Iscritto il: 23/03/2010, 20:19
Gommone: coaster 650
Motore: Yamaha f150
Località: padova

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda ale70 » 01/03/2018, 16:51

:ah: :ah: :ah: ovviamnete sono io l'uomo della strada...
"sembrerà paradossale ma la condizione per discutere è essere d’accordo"

Avatar utente
KOSLINE
Abituale
Messaggi: 1880
Iscritto il: 20/04/2013, 20:29

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda KOSLINE » 01/03/2018, 17:00

Ale guarda che le leggi in Europa non le fa Trump, e per fortuna non può fare tutto quello che vuole anche in America.

Poi vorrei ricordarti che il diselgate è una truffa, ma magari ti sarebbe piaciuto che continuassero a truffare ? :roll:

Il bando non è immediato ma si parla di tanti anni a venire (è una transizione) , qualcosa bisogna pur fare visto i livelli di inquinamento nelle città, e la movimentazione è solo una parte bisogna agire su più fronti, riscaldamento ad esempio.

Poi mi spighi il complottone tesla :ah: ma parli seriamente dai? Che vuoi che faccia Tesla che costruisce ad "oggi" lo 0,1 % del parco automobilistico Mondiale, e se non fallisce tra 5 anni se li va bene può arrivare allo 0.5%. :ask:

No tranquillo nel "vecchio continente" siamo pronti tecnologicamente non siamo secondi a nessuno, in Cina stiamo facendo soldi a palate (anche con le EV), dove vige la legge ad oggi più restrittiva-incentivante più della California. Vedi che VW, MB, BMW, NISSAN-RENAULT, GM ecc, si stanno attrezzando per sfornare milioni di auto EV altro che Tesla. :ceer:

Avatar utente
Paolo62
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 4949
Iscritto il: 19/11/2007, 19:04
Gommone: Mar-co 64 Altura
Motore: Yamaha 150 CV 4T
Località: Ponte San Nicolò (Pd)

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda Paolo62 » 01/03/2018, 17:46

Si Kosline, condivido che ci siano molti margini di miglioramento e che si stiano anche percorrendo. Ma al momento io non potrei mai usare una Tesla. Sul sito leggo che per una ricarica a 35 km/h (che permette in 12 ore di ricaricare 380 Km), non tantissimo, dovrei dedicare 7,4 KW/h : Il carico che ho attualmente è di 3, e potrei portarlo forse a 12, ma io oggi pago il KW 0,16/0,17 Euro e se aumentassi il carico lo raddoppierei. Non so se per un uso simile cambi qualcosa, ma visti i calcoli di Tesla con un costo Kw di 0,24 si spende la metà che viaggiare a benzina. Se pagassi il Kw 0,34/0,35 andrei a spendere qualcosa di più di quanto spenda oggi a Gasolio. Poi bisogna valutare gli aspetti fiscali. Insomma, al momento non direi che ci siano ancora, in Italia, ma io vivo e lavoro qui, motivazioni economiche per passare all'elettrico. Le uniche stazioni di ricarica sono negli hotel, 2 a Padova e 6 tra Abano e Montegrotto, ognuna con 2-3 prese. Forse fra qualche anno e mi tengo buone le tue informazioni perchè tra circa 3 anni dovrò cambiare l'auto attuale e allora .... magari.... Di recente ho fatto una valutazione per implementare il mio impianto fotovoltaico. Esiste un sistema di accumulo Tesla, ma costa 7000 Euro, è garantito 10 anni e io spendo 600 euro/anno di energia elettrica. Con un accumulo così (mi pare 5 Kw ) potrei passare da un autoconsumo del 50% ad un ottimistico 70-75% quindi risparmierei 300 Euro/anno. Anche questo, al momento, non mi conviene neanche lontanamente.
Sono qui che aspetto di poter usare più energie alternative possibile, e nel mio comune, che conta 13.000 abitanti, il primo impianto fotovoltaico realizzato è stato il mio, nel 2007. Ma siamo purtroppo ancora indietro. A me basterebbe avere una situazione di pareggio, mi accontenterei, ma non ci siamo ancora.
1967 Immagine'86 Immagine '88Immagine'05Immagine'07Immagine'10Immagine'13 Immagine

Avatar utente
KOSLINE
Abituale
Messaggi: 1880
Iscritto il: 20/04/2013, 20:29

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda KOSLINE » 01/03/2018, 18:07

Si si condivido, li vendevo i panelli solari so come funziona, l'accumulo (se non è sovvenzionato) per adesso sul privato non va (non ti ritorna), e anche tecnicamente ci sono problematiche poi per caricare le macchine (ne devi mettere diversi in parallelo), ma sui grandi impianti di energie rinnovabili invece sta andando alla grande, perché i prezzi dei pacchi batterie sono scesi a livello vertiginosi, e sono una manna dal cielo per equilibrare la rete-produzione-rinnovabile, poi si possono utilizzare le batterie che non vanno tanto più bene per le macchinine, ho visitato uno di questi fatto con le batterie delle BMW i3, e questo allunga la vita di una batteria ed abbatte i costi (ci ritorna utile anche come riutilizzo-smaltimento).

Tieni presente che stiamo recuperando a livello di storage energetico circa 5%-anno, e contemporaneamente scendono i prezzi, 5 anni fa stavamo a 1000 Dollari al KWH ora stiamo a 200 Dollari (Panasonic-tesla dichiarano nell ultima trimestrale addirittura 140 Dollari), si prevede tra 3 anni un 100 Dollari a KWH per gli storage, veramente interessante.

Ci vuole un po, stanno uscendo anche chimiche nuove per le celle, le solide si stanno facendo avanti, costi minori, grande industrializzazione di massa, ecc..

Io penso che tra 5 anni incominceremo a vedere qualcosa di interessante, a 10 saremo in pieno periodo di transizione. ;-)

Avatar utente
ale70
Abituale
Messaggi: 1938
Iscritto il: 23/03/2010, 20:19
Gommone: coaster 650
Motore: Yamaha f150
Località: padova

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda ale70 » 01/03/2018, 18:26

KOSLINE ha scritto:Ale guarda che le leggi in Europa non le fa Trump, e per fortuna non può fare tutto quello che vuole anche in America.

Poi vorrei ricordarti che il diselgate è una truffa, ma magari ti sarebbe piaciuto che continuassero a truffare ? :roll:

Il bando non è immediato ma si parla di tanti anni a venire (è una transizione) , qualcosa bisogna pur fare visto i livelli di inquinamento nelle città, e la movimentazione è solo una parte bisogna agire su più fronti, riscaldamento ad esempio.

Poi mi spighi il complottone tesla :ah: ma parli seriamente dai? Che vuoi che faccia Tesla che costruisce ad "oggi" lo 0,1 % del parco automobilistico Mondiale, e se non fallisce tra 5 anni se li va bene può arrivare allo 0.5%. :ask:

No tranquillo nel "vecchio continente" siamo pronti tecnologicamente non siamo secondi a nessuno, in Cina stiamo facendo soldi a palate (anche con le EV), dove vige la legge ad oggi più restrittiva-incentivante più della California. Vedi che VW, MB, BMW, NISSAN-RENAULT, GM ecc, si stanno attrezzando per sfornare milioni di auto EV altro che Tesla. :ceer:



ok, mi convinci... :lol: :ces:
"sembrerà paradossale ma la condizione per discutere è essere d’accordo"

Avatar utente
KOSLINE
Abituale
Messaggi: 1880
Iscritto il: 20/04/2013, 20:29

Re: Addio al Diesel? E i nostri “trattori?

Messaggioda KOSLINE » 01/03/2018, 18:36

Certe volte faccio fatica a comprendere da dietro un pc, sinceramente la tua risposta è una di queste, se vuoi argomentare fa piacere altrimenti sta bene cosi, sicuramente non devo convincere nessuno, rispondevo argomentando a quello che affermavi, tutto qua. ;-)

@Paolo oggi sta la presentazione della Jaguar I-PACE tra 20 minuti in diretta da Ginevra metto il link se interessa. ;-) https://www.youtube.com/watch?v=gpyh-4q661g
Ultima modifica di KOSLINE il 01/03/2018, 19:12, modificato 1 volta in totale.

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.



Torna a “GommoCar : l'auto per il Traino”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti