Lo specchio di poppa

Le carene dei nostri gommoni : Tutto sulle caratteristiche ed i comportamenti delle carene plananti. Assetto del gommone, attaccatura tubolari , Scafi in genere, flaps .
Avatar utente
ronin
Attivo
Messaggi: 208
Iscritto il: 21/01/2008, 20:10
Gommone: Mar Sea SP90
Motore: Selva dorado 40xs
Località: N/E Sardegna

Lo specchio di poppa

Messaggioda ronin » 17/02/2018, 23:11

Credo che lo specchio di poppa sia la parte dello scafo più soggetta a stress di ogni tipo,dal peso del motore/ri,ai colpi d'onda,accellerate e retro ecc. Vorrei chiedere al nostro Akes se mi può delucidare su come deve essere uno specchio a regola d'arte,con foto o materiale declassificato dal suo archivio ;-) grazie.





Condividi



Eurovinil EV45 > Novamarine RH430 > Mar Sea SP90
Ellebì lbn 720- Lowrance elite 7 hdi

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
Akeswins
Doppio rhum e una lattina...
Doppio rhum e una lattina...
Messaggi: 15851
Iscritto il: 30/04/2005, 19:49
Gommone: Vento 500
Barca: Akes 23
Motore: F60 EFI - 200 Optimax
Località: S. John of Sinis
Contatta:

Re: Lo specchio di poppa

Messaggioda Akeswins » 18/02/2018, 19:23

non esageriamo di foto, archivio, stratifiche etc etc.. :sorry:

diciamo brevemente che hai ragione quando dici che è la parte più sollecitata negli scafi fuoribordo. Lo specchio di poppa è gravato infatti dal peso del motore che incide in maniera irrilevante a mezzo fermo, abbastanza incisivamente quando il motore eroga la massima potenza, ma soprattutto, gravato tremendamente quando si ricade dell' onda; gli impatti in queste occasioni , superando tranquillamente i 3/4 G (e peggio, dipende da quanto si esagera con la manetta) , moltiplicano di questo tanto il peso del motore che sollecita quindi in maniera altrettanto considerevole la lastra su cui è applicato che non è immensa, ma limitata solo alla grandezza del cavalletto.

Per fare un esempio : un motore da 150 hp, del peso di circa 200 kg, esercita una spinta max intorno ai 400 kgf (l' elica chiaramente costituisce il limite). Lo stesso motore, negli impatti tremendi delle ricadute, può tranquillamente esercitare oltre 800 kg "a strappo". Questo è il motivo per cui lo specchio di poppa deve essere ancorato solidamente al resto dello scafo.

In linea di massima, uno specchio di poppa correttamente realizzato deve avere:
1)un elemento di rinforzo con elevata resistenza alla compressione (piastra in legno), per i bulloni di fissaggio, altrimenti si romperà per in compressione;
2)un adeguata stratifica interna ed esterna (di solito esterna almeno pari alla stratifica di carena e interna di coperta, + qualche tessuto di rinforzo )
3)un adeguato collegamento (rinforzi, profili) al resto dello scafo, perchè se lo specchio è robustissimo ma non ancorato in modo da "spalmare" la sollecitazione, cederà ai lati tendendo a staccarsi;
4)una struttura longitudinale di collegamento coi longheroni, in modo da "essere aiutato" da questi ultimi a reggere le sollecitazioni di momento flettente e scaricare la spinta del motore.
Alessandro - Vento 500 con F60 EFI + Akes 23 con 200 Optimax + Colombo 27 con 2 x 260 mercruiser
Immagine

http://www.akesdesign.it

sergetto
Abituale
Messaggi: 828
Iscritto il: 22/07/2014, 10:45
Gommone: Novamarine RH540
Motore: Mariner 90 ELPTO

Re: Lo specchio di poppa

Messaggioda sergetto » 19/02/2018, 19:49

Akeswins ha scritto: #cut# diciamo brevemente #cut#

:clap:

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.



Torna a “Carene e Scafi”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 25 ospiti