Albatro International al Salone di Genova 2011

Maxi Rib di lusso con il comfort di una barca
Avatar utente
Francesco Piras
Addetto settore nautico
Messaggi: 764
Iscritto il: 28/08/2011, 20:17
Località: milano
Contatta:

Albatro International al Salone di Genova 2011

Messaggioda Francesco Piras » 01/11/2011, 19:17

al Salone Nautico di Genova 2011 ho incontrato Simone Cesati di Albatro International che esponeva in acqua la nuova versione del Tender 50
http://www.youtube.com/watch?v=538ja0jmAx4





Condividi




Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
Barrotta Giacomo
Abituale
Messaggi: 1630
Iscritto il: 01/02/2009, 11:13
Gommone: JABAR • Zodiac N-Zo cabin
Motore: Suzuki 300
Località: Torrevieja (Alicante) Spagna

Re: Albatro International al Salone di Genova 2011

Messaggioda Barrotta Giacomo » 03/11/2011, 17:12

630.000 euro? Crepi l'avarizia!

Provo a commentare questo "mostro marino" dal punto di vista dell'appassionato consapevole che non se lo potrà mai permettere.
Le origini del costruttore di pilota offshore dimostrano che si possono trasferire nella nautica da diporto i concetti di base delle barche da competizione (carena con re-dan ed eliche di superficie).
Tuttavia, trattandosi di una barca sulla quale vivere e navigare anche con mari formati, annoto alcune incongruenze (solo valutazioni personali s'intende):
-- avrei preferito un settore di prora più alto (mantenendo sempre il profilo di "S" distesa) guadagnando così anche maggiori volumi all'interno della parte cabinata;
-- i tubolari a poppa sono rastremati verso un diametro più ridotto. Questa particolarità - in controtendenza - sottrae ancor più la funzione di appoggio e stabilità laterale caratteristica dei Rib;
-- quasi tutti gli elementi in coperta e nella stessa plancia (con bulloneria a vista!?) presentano forme spigolate. A questi livelli ci si aspettano forme tondeggianti in un mezzo che viaggia a velocità elevate ed ove è sempre possibile sbattere anche violentemente col corpo nelle strutture della barca.

Concludo che non la comprerei neppure se potessi permettermela. :d:
A bordo del JABAR volo sull'acqua verso l'isola che sfuma all'orizzonte dove mare e cielo si abbracciano.
Mi accompagnano il sussurro del motore e un gruppo di delfini festosi. Ora faccio parte di quell'ambiente meraviglioso. Ora sono felice.

Grado
Abituale
Messaggi: 5205
Iscritto il: 03/07/2007, 12:30

Re: Albatro International al Salone di Genova 2011

Messaggioda Grado » 03/11/2011, 21:52

:iagree: , non ho mai amato gli Albatro :?
La laguna di Grado è magnifica

Avatar utente
dorado87
L'incontentabile
Messaggi: 4018
Iscritto il: 17/05/2007, 15:22
Gommone: Dorado 87
Motore: 2x suzuki 175
Località: milano

Re: Albatro International al Salone di Genova 2011

Messaggioda dorado87 » 04/11/2011, 15:10

Barrotta Giacomo ha scritto:630.000 euro? Crepi l'avarizia!

Provo a commentare questo "mostro marino" dal punto di vista dell'appassionato consapevole che non se lo potrà mai permettere.
Le origini del costruttore di pilota offshore dimostrano che si possono trasferire nella nautica da diporto i concetti di base delle barche da competizione (carena con re-dan ed eliche di superficie).
Tuttavia, trattandosi di una barca sulla quale vivere e navigare anche con mari formati, annoto alcune incongruenze (solo valutazioni personali s'intende):
-- avrei preferito un settore di prora più alto (mantenendo sempre il profilo di "S" distesa) guadagnando così anche maggiori volumi all'interno della parte cabinata;
-- i tubolari a poppa sono rastremati verso un diametro più ridotto. Questa particolarità - in controtendenza - sottrae ancor più la funzione di appoggio e stabilità laterale caratteristica dei Rib;
-- quasi tutti gli elementi in coperta e nella stessa plancia (con bulloneria a vista!?) presentano forme spigolate. A questi livelli ci si aspettano forme tondeggianti in un mezzo che viaggia a velocità elevate ed ove è sempre possibile sbattere anche violentemente col corpo nelle strutture della barca.

Concludo che non la comprerei neppure se potessi permettermela. :d:




secondo me se lo provi cambi idea la carena è spettacolare, poi tutto è migliorabile certo il prezzo non è popolare, secondo me i vero limite è dato dal fatto che gli stampi del 15 non sono a controllo numerico ma fatti a mano e si vedono evidenti imprecisioni

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.



Torna a “Gommo Yacht”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti