specchio di poppa Marshall M60

Gommoni professionali dedicati al lavoro, pesca, skuba, militari, rescue

Moderatore: nicola_m60

Avatar utente
lupo.lesso
Abituale
Messaggi: 2021
Iscritto il: 18/03/2007, 14:55
Gommone: Northstar 195 RM
Motore: Yamaha ceto75cv + Yamaha ft 8cv

Re: specchio di poppa Marshall M60

Messaggioda lupo.lesso » 08/06/2014, 19:07

...aggiungo..dando merito a Donno ed alle sue creazioni, che se certi modelli non Marshall (per es joker boat coster 650, 4,70) sono diventati veri punti di riferimento di mercato in quanto a doti marine, un motivo ci sarà e molti di questi hanno il disegno Donno. E' un merito che va dato. Questa differenza,se si provano altre carene, la si sente eccome. Da qui secondo me la nascita di un mito e non credo al marketing ben riuscito, perchè ripeto, a me, come allestimento, non son mai piaciuti. Hanno avuto un progetto ben riuscito di opera viva e un disegno di coperta un pò così, ma alla fine l'opera viva conta di più.





Condividi



trainista convinto, anzi, fissato!

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
alessandro
Addetto settore nautico
Messaggi: 2217
Iscritto il: 07/05/2008, 9:13
Gommone: AMrib 355 ST
Motore: tohatsu 40hp
Località: Foshan China

Re: specchio di poppa Marshall M60

Messaggioda alessandro » 09/06/2014, 1:58

Lupo lesso, mi piacerebbe poterti dare ragione ma la relatà di mercato è esattamente l'opposto. Mi sembra purtroppo un dato di fatto che ottime coperte su scafi mediocri abbiamo avuto più successo del connubio opposto (a parte minoranze che ammiro come ad esempio i Focchi)
.
Tuttavia la fine di Marshall fu data (a quanto mi pareva fosse emerso ad unanimità in altre discussioni) per problemi societari più che tecnici, pertanto se fosse ancora attiva di sicuro avrebbe modificato le coperte almeno quel tanto che sarebbe bastato. Mar-sea che ha tutta un altra storia anche se si chiamasse marshall, ha dato un buon esempio di evoluzione e di non stravolgimento, al punto da piacere a Jebo (forse il più tenace degli appassionati, e come dargli torto basta vedere alcune delle sue foto "storiche"... :bene: ) come fosse un Marshall originale frusta
Io sostengo che allora per Marshall come oggi per Mar-sea le differenze con un Lomac (esempio a caso scelto perchè molto calzante attualalmente per alcuni modelli) non fossero così elevate (a mio avviso nessuna rilevante se non ai fini dei gusti personali) pertanto rimango legato alla teoria della superiorità delle capacità di comunicazione.
Oltremodo nei miei personali ricordi nell'area di Milano negli anni fine 80 inizi 90 di Marshall in zona non se ne vedevano mica poi tanti, era un netto dominio Asso e Bat. Chiedo da dove scrivete voi appassionati Marshall? Non è che i meriti del successo marshall siano anche da indirizzare alla bravura di qualche concessioanrio di zona? Dico questo perchè mio padre che in quegli anni era un gommonauta a tutti gli effetti, al cospetto dei Marshall non ha nessun sussulto mentre non toccategli l'asso 54...ah ah ah!!!
asso54(volvop 550), stil-na56(Yam75), mar-co64(mercruiser350), Free-Whale18(mer 40), FW18(Yam 115), FW21(optimax150), FW400DL (mer 40), FW 320DL (mer 20), AMrib 355ST (mer 40),AMrib 285ST (mer 40)

Avatar utente
lupo.lesso
Abituale
Messaggi: 2021
Iscritto il: 18/03/2007, 14:55
Gommone: Northstar 195 RM
Motore: Yamaha ceto75cv + Yamaha ft 8cv

Re: specchio di poppa Marshall M60

Messaggioda lupo.lesso » 09/06/2014, 2:24

alessandro ha scritto:Lupo lesso, mi piacerebbe poterti dare ragione ma la relatà di mercato è esattamente l'opposto. Mi sembra purtroppo un dato di fatto che ottime coperte su scafi mediocri abbiamo avuto più successo del connubio opposto (a parte minoranze che ammiro come ad esempio i Focchi)


Qui penso tu abbia ragione. Se guardo la mia piccola esperienza agli inizi il gommone che sceglievo era per qualche qualità costruttiva e accuratezza dell'allestimento della coperta. E' stata anche la ragione per cui non ho mai scelto Marshall ma al contrario Joker Boat i cui allestimenti mi piacevano di più.
Fino a che non ho sbattuto la testa :wall:.

è anche vero che ne vedo tanti di Marshall 100 ed M80-M60 e chi li ha se li tiene e spesso sono pesca-sub, gente che il gommone lo usa non per l'uscitina d'agosto.
trainista convinto, anzi, fissato!

Avatar utente
alessandro
Addetto settore nautico
Messaggi: 2217
Iscritto il: 07/05/2008, 9:13
Gommone: AMrib 355 ST
Motore: tohatsu 40hp
Località: Foshan China

Re: specchio di poppa Marshall M60

Messaggioda alessandro » 09/06/2014, 2:27

Lupo lesso, mi piacerebbe poterti dare ragione ma la relatà di mercato è esattamente l'opposto. Mi sembra purtroppo un dato di fatto che ottime coperte su scafi mediocri abbiamo avuto più successo del connubio opposto (a parte minoranze che ammiro come ad esempio i Focchi)
.
Tuttavia la fine di Marshall fu data (a quanto mi pareva fosse emerso ad unanimità in altre discussioni) per problemi societari più che tecnici, pertanto se fosse ancora attiva di sicuro avrebbe modificato le coperte almeno quel tanto che sarebbe bastato. Mar-sea che ha tutta un altra storia anche se si chiamasse marshall, ha dato un buon esempio di evoluzione e di non stravolgimento, al punto da piacere a Jebo (forse il più tenace degli appassionati, e come dargli torto basta vedere alcune delle sue foto "storiche"... :bene: ) come fosse un Marshall originale frusta
Io sostengo che allora per Marshall come oggi per Mar-sea le differenze con un Lomac (esempio a caso scelto perchè molto calzante attualalmente per alcuni modelli) non fossero così elevate (a mio avviso nessuna rilevante se non ai fini dei gusti personali) pertanto rimango legato alla teoria della superiorità delle capacità di comunicazione.
Oltremodo nei miei personali ricordi nell'area di Milano negli anni fine 80 inizi 90 di Marshall in zona non se ne vedevano mica poi tanti, era un netto dominio Asso e Bat. Chiedo da dove scrivete voi appassionati Marshall? Non è che i meriti del successo marshall siano anche da indirizzare alla bravura di qualche concessioanrio di zona? Dico questo perchè mio padre che in quegli anni era un gommonauta a tutti gli effetti, al cospetto dei Marshall non ha nessun sussulto mentre non toccategli l'asso 54...ah ah ah!!!
asso54(volvop 550), stil-na56(Yam75), mar-co64(mercruiser350), Free-Whale18(mer 40), FW18(Yam 115), FW21(optimax150), FW400DL (mer 40), FW 320DL (mer 20), AMrib 355ST (mer 40),AMrib 285ST (mer 40)

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
Barbarossa
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 24409
Iscritto il: 27/04/2005, 22:49
Gommone: Mar.co Altura 64
Motore: Mercury Optimax 150
Località: Lugano

Re: specchio di poppa Marshall M60

Messaggioda Barbarossa » 09/06/2014, 9:01

Ho avuto un M60 vtr prima serie, quello con lo specchio diritto per intenderci.
La lunghezza era di m 4.10 mentre quello della seconda serie , c-stern, era di m4.30
Consultare i cataloghi prima di scrivere ( dovrei farlo anch'io perchè ormai la memoria fa cilecca, Giulio, una pera di fosforo please ).
« Le riviste di musica sono scritte da gente che non sa scrivere, che intervista gente che non sa parlare, per gente che non sa leggere »

(Frank Zappa)

Avatar utente
lupo.lesso
Abituale
Messaggi: 2021
Iscritto il: 18/03/2007, 14:55
Gommone: Northstar 195 RM
Motore: Yamaha ceto75cv + Yamaha ft 8cv

Re: specchio di poppa Marshall M60

Messaggioda lupo.lesso » 09/06/2014, 11:10

non lo sapevo che il c-stern è avvenuto in seguito e prima gli specchi di poppa erano dritti :oops:
:bene:
trainista convinto, anzi, fissato!

Avatar utente
Akeswins
Doppio rhum e una lattina...
Doppio rhum e una lattina...
Messaggi: 15578
Iscritto il: 30/04/2005, 19:49
Gommone: Vento 500
Barca: Akes 23
Motore: F60 EFI - 200 Optimax
Località: S. John of Sinis
Contatta:

Re: specchio di poppa Marshall M60

Messaggioda Akeswins » 09/06/2014, 16:26

mi piacerebbe poterti dare ragione ma la relatà di mercato è esattamente l'opposto. Mi sembra purtroppo un dato di fatto che ottime coperte su scafi mediocri abbiamo avuto più successo del connubio opposto


mmm... ma non sarei d' accordo. Farei una distinzione tra "gommoni che hanno avuto successo" e "gommoni per lo più prodotti"..
E' vero che il mercato ha preso la strada delle ottime coperte , o meglio, dalle coperte studiate con più attenzione, su scafi mediocri, ma quanti di questi hanno avuto successo?
Non mi viene affatto in mente un gommone buono solo di coperta che abbia avuto successo.
Mi vengono in mente tanti gommoni che oltre ad avere un' ottima coperta avevano e hanno anche una buona carena, magari non la migliore ma comunque buona, che hanno avuto e hanno successo.
Mi vengono altresì in mente delle serie di gommoni dalla coperta di design innovativo e ampi spazi , basati però su un opera viva non all' altezza , che NON hanno successo.
Ma se penso ai gommoni più venduti, guardacaso hanno tutti delle buone opere vive..
Alessandro - Vento 500 con F60 EFI + Akes 23 con 200 Optimax + Colombo 27 con 2 x 260 mercruiser
Immagine

http://www.akesdesign.it

Avatar utente
lupo.lesso
Abituale
Messaggi: 2021
Iscritto il: 18/03/2007, 14:55
Gommone: Northstar 195 RM
Motore: Yamaha ceto75cv + Yamaha ft 8cv

Re: specchio di poppa Marshall M60

Messaggioda lupo.lesso » 09/06/2014, 18:47

Akeswins ha scritto:
mi piacerebbe poterti dare ragione ma la relatà di mercato è esattamente l'opposto. Mi sembra purtroppo un dato di fatto che ottime coperte su scafi mediocri abbiamo avuto più successo del connubio opposto


mmm... ma non sarei d' accordo. Farei una distinzione tra "gommoni che hanno avuto successo" e "gommoni per lo più prodotti"..
E' vero che il mercato ha preso la strada delle ottime coperte , o meglio, dalle coperte studiate con più attenzione, su scafi mediocri, ma quanti di questi hanno avuto successo?
Non mi viene affatto in mente un gommone buono solo di coperta che abbia avuto successo.
Mi vengono in mente tanti gommoni che oltre ad avere un' ottima coperta avevano e hanno anche una buona carena, magari non la migliore ma comunque buona, che hanno avuto e hanno successo.
Mi vengono altresì in mente delle serie di gommoni dalla coperta di design innovativo e ampi spazi , basati però su un opera viva non all' altezza , che NON hanno successo.
Ma se penso ai gommoni più venduti, guardacaso hanno tutti delle buone opere vive..



io sono d'accordo, il mercato del nuovo ma soprattutto quello dell'usato la dicono lunga sulla vendibilità/rivendibilità del prodotto . L'acquirente poco esperto all'inizio è in pasto al venditore. Ma se diventa un fruitore di lungo corso, nel tempo si accorge della fregatura . Ed i gommoni che vanno meglio tengono il mercato anche dopo diversi anni
trainista convinto, anzi, fissato!

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.



Torna a “Gommone RIB Work”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 11 ospiti