RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Le Avventure, le Navigazioni, le Crociere, i Raid , le Vacanze e le foto dei nostri gommoni durante le nostre attività ACQUATICHE
Avatar utente
Barrotta Giacomo
Abituale
Messaggi: 1608
Iscritto il: 01/02/2009, 11:13
Gommone: JABAR • Zodiac N-Zo cabin
Motore: Suzuki 300
Località: Torrevieja (Alicante) Spagna

RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Barrotta Giacomo » 20/08/2016, 11:34

COPERTINA2.jpg
ROCCA DI GIBILTERRA

Doppiaggio della Rocca di Gibilterra.

PREAMBOLO
Per tutto l'inverno passato avevo coltivato il sogno di raggiungere Tarifa, che fa da spartiacque tra i mari Mediterraneo e Atlantico in pieno stretto di Gibilterra, a partire da Roqueta de Mar nel golfo di Almeria che fu il punto di arrivo del mio precedente raid 2015.
Per la verità, sin dall'inizio, neppure io avevo mai creduto seriamente di riuscirci. Come potevo affrontare quel tratto di mare notoriamente martoriato da venti e correnti spesso imprevedibili e in grado di mettere in difficoltà i più esperti navigatori con mezzi ben più dimensionati del mio smontabile di soli 3,25m?
Eppure quel traguardo, così ambizioso, rappresentava per me una sfida stimolante che avrebbe costituito l'epilogo della passione di gommonauta che mi accompagna dall'età di 16 anni.

colonne-dercole.jpg
COLONNE D'ERCOLE
colonne-dercole.jpg (35.26 KiB) Visto 1414 volte

Le colonne d'Ercole che la letteratura classica colloca in corrispondenza della Rocca di Gibilterra o Calpe (continente europeo) e del Monte Hacho o Abila (continente africano) costituiscono il limite del mondo conosciuto oltre il quale c'è l'"ignoto", l'"immensità", la morte!
Da secoli esse esercitano un fascino irresistibile per molti navigatori che si avventurano oltre quel traguardo spesso sfidando le terribili forze ostili della natura che proprio in quel punto sembrano moltiplicarsi.
D'altra parte le informazioni raccolte sin dalla partenza e lungo il percorso verso lo stretto erano tali da scoraggiare qualsiasi ipotesi di avventurarmi fin laggiù. Mi ero così rassegnato a completare il raid nei pressi di Estepona che si trova ad una ventina di miglia prima Gibilterra per poi fare ritorno a Roqueta.
Come sono poi andate le cose lo apprenderete se avrete la pazienza di leggere di seguito la cronistoria di questa mia straordinaria avventura.

PREPARAZIONE DEL RAID
L'esperienza acquisita nei due raids precedenti mi ha indotto a confermare lo Zodiac fastroller 3,25 per le sue ottime doti di navigabilità ed estrema leggerezza: un perfetto connubio che unisce felicemente l'esigenza di navigare anche con mari discretamente formati a quella di alarlo a terra in solitario con l'ausilio delle 4 ruotine a poppa di cui è dotato per effettuare il campeggio nautico.
Un'ottima soluzione si è poi rivelata quella di impacchettare la tenda anziché smontarla viewtopic.php?f=9&t=24841 per velocizzare e rendere meno faticose le operazioni di pernottamento ad ogni tappa.
Restava il problema del fuoribordo ormai al suo quindicesimo compleanno. Il mio intento di sostituirlo col 9.9 Suzuki a iniezione è stato vano. Anche il tentativo del direttore de "Il Gommone" Bellina di acquisirlo dalla Suzuki a scopo pubblicitario o con un maxisconto non si è realizzato.
Ho fatto così visionare da un esperto lo stato del vecchio ma fidato Evinrude 9.9hp-4t il quale mi ha dato il benestare anche considerando che, dato il carico così ridotto, l'avrei sempre usato con un filo di potenza.

CARTA NAUTICA.jpg
CARTA NAUTICA CON LE TAPPE EFFETTUATE

Tappe effettuate riportate sulla carta nautica. Esse sono numerate in progressione con la somma delle miglia percorse. Gli indicatori rossi allineati in alto, con i triangolini rivolti a sinistra, indicano le tappe dell'andata verso ovest; gli indicatori blu allineati più in basso, con i triangolini rivolti a destra, indicano le tappe del ritorno verso est (cliccare sulla foto per ingrandirla).

TAPPE DA EFFETTUARE E TECNICA DI NAVIGAZIONE
Anche in questo raid, così come nei due precedenti, non mi sono posto alcuna scaletta sulle tappe da effettuare a terra sia per quanto riguarda la loro posizione geografica che la loro permanenza temporale. Né alcun programma preciso avrebbe potuto realizzarsi perché la variabilità e imprevedibilità delle condizioni meteomarine in queste località non lo avrebbe consentito.
In linea di massima la mia preferenza era di fermarmi da 1 a 2 notti a seconda dell'interesse suscitato dalla zona oppure dalle "finestre" di mare navigabile disponibili salvo poi fare i conti con una perturbazione che mi avrebbe potuto bloccare per molti giorni (in queste zone, anche in piena estate, i venti dominanti contrapposti levante (est/nord-est) e ponente (ovest/sud-ovest), possono soffiare con violenza fino a 5-7gg e notti consecutive).
Questa casualità degli spostamenti e atterraggi lungo la costa aggiunge avventura all'avventura lasciandomi godere della straordinaria sensazione di libertà di esplorare ad ogni tappa luoghi diversi e conoscere persone sempre nuove nei numerosi agglomerati urbani presenti lungo la costa.
La sera prima della nuova tappa studio sulla carta nautica un percorso di massima con particolare attenzione ai tratti di spiaggia ove eventualmente atterrare in caso di emergenza, individuo un porto ove fare rifornimento e pranzare ed infine individuo un angolino ove potrei effettuare la sosta notturna.
La navigazione lungo la costa si svolge puntando sulle punte visibili più avanzate tagliando i golfi. Spesso perdo i riferimenti della carta nautica e finisco per valutare le macchie più chiare lungo la costa che identificano gli agglomerati urbani adiacenti alle spiagge ove potrei atterrare e sostare.

INIZIA L'AVVENTURA DA ROQUETAS DE MAR

01.jpg
GOMMONE APPENA SCARICATO DALL'AUTO

Gommone appena scaricato dall'auto.

Da Cabo Roig ove risiedo mi sono fatto portare in auto, col gommone smontato al seguito, fino al porto turistico di Roquetas de Mar.
Verso mezzogiorno scarico il tutto presso il Real Club Náutico che dispone di un comodo piazzale con uno scivolo per varare/alare le piccole imbarcazioni.
Partono subito i primi 10 euro per usufruire del servizio ma mi piace creare così una traccia del mio percorso. Quando ho riferito ai due marinai del piazzale il mio proposito di navigare verso Gibilterra, i loro sguardi, posati sul gommone appena montato, lasciavano chiaramente intendere la loro perplessità e incredulità.
________________________________________________________________________________

N.B. - Seguirà l'inserimento del racconto delle singole tappe, corredate da numerose foto, così come le ho annotate nel diario di bordo.
Invito gli amici del forum ad inserirsi a piacimento con i loro commenti in qualsiasi punto del topic.
Mi scuso per la notevole lunghezza del racconto necessaria per coinvolgervi emozionalmente in questa mia nuova straordinaria esperienza di vita.

(continua)...
Ultima modifica di Barrotta Giacomo il 23/08/2016, 17:30, modificato 4 volte in totale.





Condividi



A bordo del JABAR volo sull'acqua verso l'isola che sfuma all'orizzonte dove mare e cielo si abbracciano.
Mi accompagnano il sussurro del motore e un gruppo di delfini festosi. Ora faccio parte di quell'ambiente meraviglioso. Ora sono felice.

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
Leo F
Abituale
Messaggi: 403
Iscritto il: 10/10/2011, 17:24
Gommone: Akes 22' walkaround by AQA
Motore: Yamaha F200FETX
Località: firenze

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Leo F » 20/08/2016, 23:17

Non vedo l'ora di leggere,bravissimo Giacomo!
Mi sembra di capire che non avevi gps dunque. ...tutto alla vecchia maniera??

Avatar utente
Barrotta Giacomo
Abituale
Messaggi: 1608
Iscritto il: 01/02/2009, 11:13
Gommone: JABAR • Zodiac N-Zo cabin
Motore: Suzuki 300
Località: Torrevieja (Alicante) Spagna

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Barrotta Giacomo » 20/08/2016, 23:45

Leo F ha scritto:Non vedo l'ora di leggere,bravissimo Giacomo!
Mi sembra di capire che non avevi gps dunque. ...tutto alla vecchia maniera??

...il gps? cos'è il gps?
niente! nessuno strumento a parte lo smartphone per fare le foto e telefonate. La sera studiavo un itinerario di massima sulla carta nautica per effettuare i trasferimenti il giorno dopo.
Ho sempre navigato "a vista" lungo la costa prendendo le decisioni di volta in volta affidandomi alla casualità.
Si assaporano così in pieno le sensazioni di libertà e d'avventura.
Provare per credere! )212( )212(
A bordo del JABAR volo sull'acqua verso l'isola che sfuma all'orizzonte dove mare e cielo si abbracciano.
Mi accompagnano il sussurro del motore e un gruppo di delfini festosi. Ora faccio parte di quell'ambiente meraviglioso. Ora sono felice.

Avatar utente
Barrotta Giacomo
Abituale
Messaggi: 1608
Iscritto il: 01/02/2009, 11:13
Gommone: JABAR • Zodiac N-Zo cabin
Motore: Suzuki 300
Località: Torrevieja (Alicante) Spagna

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Barrotta Giacomo » 21/08/2016, 17:15

19 luglio 2016
1ª Tappa: ROQUETAS DE MAR / BALERMA - 1 notte - 20,5 miglia.
Mare formato al traverso angolato giardinetto sx con qualche frangente.


Alle 14,30 l'Evinrude è già in moto tra le barche ormeggiate nel porto e col pieno di carburante.

02.jpg
PARTENZA DAL PORTO DI ROQUETAS

Partenza da Roquetas de Mar.

Non appena metto il naso fuori dal porto mi da il benvenuto un mare gagliardo, residuo di una mareggiata precedente, che mette subito alla prova il mio Eta Beta.
A preoccuparmi però non è lo stato del mare ma il getto d'acqua della spia di raffreddamento che appare piuttosto fievole e di scarsa portata nonostante avessi sostituito la girante la stagione precedente.
La situazione non migliora neppure dopo qualche miglio in planata. Eppure al tatto la poca acqua in uscita era appena tiepida tanto da farmi pensare che il problema fosse un parziale intasamento del condotto della stessa spia.
Mi ricordavo dei buoni consigli di un meccanico di fuoribordo il quale mi spiegava come spesso questi casi si risolvono semplicemente soffiando aria con forza dallo stesso foro terminale della spia. Così ho fatto a motore spento e ribaltato percependo una iniziale resistenza al passaggio dell'aria che poi pian piano si è affievolita. Miracolo! dopo il riavvio godo nell'ammirare finalmente un getto d'acqua con tale pressione da restare quasi orizzontale.

Adesso la navigazione procede scorrevole lungo la costa a circa 10 nodi con vento debole al traverso leggermente angolato al giardinetto con onde di discreta altezza - alcune delle quali frangenti - che Eta Beta "digerisce" con particolare agilità anche grazie ad un perfetto bilanciamento dei pesi a bordo.
Il colpo d'occhio verso terra denota la presenza di numerose serre chiare nelle quali vengono coltivate tonnellate di ortaggi destinati alla esportazione.

03.jpg
P.ta DEL SABINAL

Punta del Sabinal

Da Cabo de Gata fino a Malaga la Costa del Sol si sviluppa in orizzontale. Non vedrò più il sole nascente sull'orizzonte del mare e, a differenza dei due raids precedenti di Cabo de Ñao e Cabo de Gata, i due venti dominanti invertiranno i loro ruoli: il levante da nord-est che prima gonfiava il mare con spettacolari onde alte frangenti passerà il testimone al contrapposto ponente da sud-ovest che d'ora in avanti costituirà il mio principale ostacolo alla navigazione.

Superata Punta del Sabinal la costa cambia leggermente inclinazione esponendo la poppa piena al vento che tuttavia ora è un po' diminuito. La mia crociera di 12 nodi è un po' superiore a quella delle onde che viaggiano nella stessa direzione e così Eta Beta si esibisce in un divertente sali-scendi che segue il contorno delle onde.
Adesso navigo in linea retta tra le punte di Las Entinas e quella de Los Baños tagliando il golfo di Almerimar finché raggiungo il grazioso paesino di Balerma ove decido di effettuare la mia prima tappa.

05.jpg
1ª TAPPA BALERMA

06.jpg

Prima tappa a Balerma.

Come tanti altri centri abitati lungo la costa spagnola anche questa comunità di abitanti marinari vive di turismo e si sviluppa adiacente ad una bella spiaggia balneare.
L'ampia passeggiata lastricata, arredata con panche ove sostare, rende piacevole la visita tra alcuni negozietti di servizio per le necessità ricorrenti.
Il piccolo centro accoglie una rocca che denota il suo passato storico di postazione di avvistamento verso il mare e difesa.
Infine l'estensione del caseggiato ad est mostra alcune modeste abitazioni, perlopiù bilocali, occupate in estate da alcuni cittadini provenienti dalle città dell'entroterra.
Alle 19,30 metto i piedi sotto la tavola in un ristorante del centro per consumare un piatto combinato nel quale primeggia una bella orata.
La notte scorre tranquilla nella tenda, sempre molto confortevole e riposante, montata sugli apici superiori dei tubolari con la dolce musica della risacca.
______________________________________________________________________________________________

Utilizzo del nuovo "set-giorno/notte" della tenda.
A partire da questa prima tappa, collaudo per la prima volta il nuovo "set-giorno/notte" della tenda da me messo a punto per velocizzare e rendere meno faticose e noiose le operazioni di montaggio/smontaggio.

07.jpg
MONTAGGIO/SMONTAGGIO DELLA TENDA

08.jpg

09.jpg

10.jpg


Una volta distese e cazzate le doppie cinghie incrociate di sostegno sul culmine dei tubolari, si crea un comodo piano di lavoro per togliere o riporre la tenda nel suo sacco contenitore dopo averla ripiegata a metà senza togliere il materasso all'interno che resta sempre gonfio in posizione d'uso unitamente alla coperta.
Il sacco, dapprima lasco per agevolare il togli/metti, viene poi richiuso coi due ganci superiori e serrato con una sagola a zig-zag tra gli anelli che contornano l'unica apertura rivolta verso poppa ottenendo così un cubo ben protetto da eventuali intrusioni d'acqua, di buona rigidità e stabilità di forma.
Dopo aver deviato le cinghie per liberare il ponte, ora non resta che bloccare il pacco a prora estrema comprimendolo verso il basso con quattro fascioni ancorati al bottaccio all'esterno dei tubolari.
Adesso il battello può navigare fino alla tappa successiva ed è pronto a ripetere a ritroso le poche operazioni descritte che richiedono pochi minuti.
Ci credereste? adesso non mi lascio più assalire dalla pigrizia/noia di montare/smontare la tenda mettendo mano al gonfiatore come nei raids passati. Anzi, adesso lo faccio volentieri godendo al pensiero della quantità di operazioni che sono riuscito ad eliminare.

(continua)...
Ultima modifica di Barrotta Giacomo il 21/08/2016, 21:42, modificato 1 volta in totale.
A bordo del JABAR volo sull'acqua verso l'isola che sfuma all'orizzonte dove mare e cielo si abbracciano.
Mi accompagnano il sussurro del motore e un gruppo di delfini festosi. Ora faccio parte di quell'ambiente meraviglioso. Ora sono felice.

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Avatar utente
Gommoclassic
Moderatore sez.Gommoni smontabili e Gommoni e Motori d'epoca
Moderatore sez.Gommoni smontabili e Gommoni e Motori d'epoca
Messaggi: 4208
Iscritto il: 30/04/2005, 15:51
Gommone: BWA 550 California, Domar 460, Callegari Orion 310
Motore: Yamaha 40,envirude 521 xp, Mercury 6 cv;Evinrude 15 cv Xp
Località: Salerno

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Gommoclassic » 21/08/2016, 18:45

Complimenti è iniziata l'avventura :bene:

antaro
Attivo
Messaggi: 114
Iscritto il: 10/08/2016, 19:15

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda antaro » 21/08/2016, 22:39

Complimenti ed un grosso “in culo alla balena” !

antaro
Attivo
Messaggi: 114
Iscritto il: 10/08/2016, 19:15

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda antaro » 21/08/2016, 23:37

Piccolo ot ma non troppo..,

da quello che leggo sul sito Zodiac Italia, il il Cadet Fastroller non lo fanno più in doppia versione (PVC e Hypalon) ma solo PVC

http://www.zodiac-nautic.com/it/shop/pr ... astroller/

Solo i Cadet serie Rib e Compact mantengono entrambe le versioni

Avatar utente
Barrotta Giacomo
Abituale
Messaggi: 1608
Iscritto il: 01/02/2009, 11:13
Gommone: JABAR • Zodiac N-Zo cabin
Motore: Suzuki 300
Località: Torrevieja (Alicante) Spagna

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Barrotta Giacomo » 22/08/2016, 10:33

20 luglio 2016
2ª Tappa: BALERMA / ADRA / MELISENA - 2 notti - 17,5 miglia.
Mare deformato senza frangenti fino ad Adra, poi mosso con frangenti.


Il mattino seguente il cielo appare 9/10 coperto ma il mare è quasi calmo e sembra invitarmi a riprendere la navigazione. Le previsioni meteo-marine, consultate la sera prima, davano venti deboli di direzione variabile ma per esperienza so bene che questi mari sono pronti ad infierire sui naviganti con imprevedibili colpi di coda.
La superficie marina deformata, ma senza frangenti, non impensierisce Eta Beta che prosegue tranquillo fino al porto di Adra ove rifaccio il pieno di carburante con soli 5,50 euro.
Ottenuto il permesso di ormeggiarmi al lato di un pontile, mi viene consigliato il ristorante Timone ove pranzo con soli 11 euro e un buon caffè espresso finale.

13.jpg
GOMMONE D'ALTURA

14.jpg


Nell'area portuale mi incuriosisce questo strano gommone la cui prora, esageratamente affusolata e slanciata verso l'alto, sembra fungere da rompighiaccio per navigare nei mari del nord.

Verso le 3 pomeridiane riprendo la navigazione lasciando al caso l'individuazione di una spiaggia ove poter effettuare la mia seconda tappa.

15.jpg
NUVOLA NERA PIOVOSA

Nuvola scura di fronte a Punta Negra

Il mare si mantiene buono finché, quando giungo in prossimità di Punta Negra, noto in cielo una coda di nuvole scure che corrono velocemente verso il largo. Improvvisamente si attiva un vento che aumenta progressivamente di intensità investendomi da prora, ma le onde sono ancora basse perché la sventolata è appena iniziata. Man mano che avanzo sotto il nero inizia a piovere di buona lena inzuppando il mio corpo infreddolito. Adesso il vento mulina da tutte le direzioni finché, superato il cappello scuro, si stabilizza sospingendomi da poppa con una intensità in continua progressione.

16.jpg
MARE FRANGENTE AL GIARDINETTO

Mare frangente che rinforza da poppa.

Ho appena il tempo di scattare una foto per immortalare il fronte dei frangenti che fra poco mi investiranno costringendomi a procedere con la dovuta attenzione anche perché non ci sono ripari lungo la costa rocciosa.
Oltre la punta mi appare l'agglomerato urbano di Melisena prospicente una bella spiaggia parzialmente protetta rispetto al fronte delle onde, ove decido di atterrare per effettuare la mia seconda tappa.

In tutta la costa ad ovest di Almeria, i fondali adiacenti alle spiagge degradano rapidamente in profondità. Per questa ragione, con le solite ondine provenienti dal largo, non si formano le barre di frangenti multiple tipiche dei fondali medio-bassi. Qui sono solo un paio le onde che si rovesciano sulla battigia scaricando di colpo un'energia devastante: oltre un certo limite è praticamente impossibile affrontarle da riva per prendere il largo con qualsiasi mezzo.
Al contrario, come in questo caso ove atterro sulla riva di Melisena con mare piuttosto mosso, la manovra di spiaggiamento in solitario con Eta Beta è sicura e persino divertente purché si resti concentrati ad eseguire le giuste operazioni che sintetizzo di seguito:
-- in assenza di un corridoio d'atterraggio abilitato, giungo ad una cinquantina di metri dalla spiaggia per individuare il punto dove sbarcare lontano da eventuali bagnanti o rocce semiaffioranti che si rendono visibili grazie alle schiume generate dai loro impatti contro le onde,
-- da poppa ribalto le ruotine sotto la carena (esse restano ben fissate allo snodo grazie alla loro spinta positiva verso l'alto),
-- con decisione mi posiziono sul dorso più alto di un'onda, facendo attenzione a non superarla, e corro verso terra alla sua stessa velocità finché le ruotine toccano il fondo rullando mentre l'elica ruota sempre liberamente in spinta senza pericolo di grattare sul fondo perché si mantiene costantemente più alta delle ruotine che la precedono,
-- grazie alla posizione più alta sull'onda, alla spinta continua dell'elica e all'abbrivio generato dalla velocità, il gommone balza in avanti sulla battigia parzialmente fuori dall'acqua bloccandosi dopo aver strisciando un po' l'apice della prora,
-- adesso le ruotine mantengono parzialmente sollevata la carena da terra creando un tunnel vuoto sottostante dove si scarica buona parte dell'energia prodotta dalle nuove onde in arrivo che battono contro la poppa mentre l'elica continua a girare per metà in aria e con lo scarico che romba fuori dall'acqua,
-- per guadagnare tempo do uno strattone al cavetto per spegnere il motore mentre con un balzo scendo a terra per agguantare il maniglione di prora e trascinare il gommone un paio di metri sulla battigia. - Fine.
Una volta imparato il "giochino" le suddette manovre si eseguiscono agevolmente e sempre in condizioni di buona sicurezza.

17.jpg
ETA BETA SPIAGGIATO

Eta Beta spiaggiato sulla riva di Melisena.

Eccomi dunque atterrato sulla spiaggia di Melisena, con un mare discretamente formato, ricorrendo alla tecnica più sopra descritta.

18.jpg
GOMMONE SOSPESO SULLE RUOTINE

19.jpg
SPAZIO A POPPAVIA

Grazie alle ruotine il battello tocca terra su soli tre punti con la poppa sollevata di 30cm.

In questa foto si notano i tre punti d'appoggio a terra con la poppa sollevata di 30cm. e il motore che può restare in verticale. In queste condizioni resta libero tutto lo spazio dalla panchetta fino allo specchio di poppa per agevolare l'ingresso in tenda, fare colazione o farmi la barba.
La prora tocca terra col solo apice della chiglia mantenendo i tubolari ben sollevati. È interessante notare che quand'anche la risacca o l'alta marea avanzassero fino ad oltre la prora, il battello non può muoversi perché, per portarlo in galleggiamento, occorrono almeno 10cm oltre il limite della carena già sollevata di 30cm. Mi è capitato di svegliarmi con una risacca che scorreva liberamente sotto quasi tutto il battello.

La visita del paesino lungo la passeggiata rivela la bellezza di questa piccola comunità fatta perlopiù di pensionati e vacanzieri spagnoli.
Decido di trascorrere qui due notti anche perché ho voglia di esplorare in apnea i fondali rocciosi tutt'intorno.
L'intimità di questo grazioso angolo spagnolo è penalizzata dall'assenza di bar o ristoranti: c'è solo un piccolo negozietto per assolvere alle primarie necessità alimentari.
Il mattino seguente assisto al varo di alcune barche e gommoni da parte di pescatori sportivi locali che si allontanano al largo per praticare la pesca a fondo con le lenze.
Poco dopo faccio conoscenza con la signora Ester mentre porta a passeggio lungo la spiaggia il proprio cane. Ella resta affascinata dal racconto della mia avventura e si offre spontaneamente di curare una vescichetta che sporge al lato del mio alluce sinistro. Tornata a casa mi raggiunge con ago e filo per forare da parte a parte l'ampolla e infine riannodare il cordino: così la vescica drenerà fino alla sua progressiva guarigione. Subito dopo vengo ancora coccolato con l'offerta di un buon caffelatte con biscotti: posso così apprezzare la bontà d'animo di questo popolo che convive fraternamente manifestando la propria modesta ma dignitosa umiltà.
Più tardi mi attivo per finire di armare il mio Eta Beta fissando sul fuoribordo il grosso pallone giallo. Ormai mi ci sono affezionato per il senso di sicurezza in più che riesce ad infondermi pur non avendone mai verificato la reale efficacia in caso di ribaltamento.

20.jpg
RELAX SOTTO IL PARASOLE

Ricovero sotto il sole in sostituzione dell'ombrellone.

Nella mattinata utilizzo il mio parasole per abbandonarmi ad una sana lettura mentre nel paese arrivano i furgoni ambulanti del fornaio e del pescivendolo coi loro superclackson dai suoni distinti per farsi riconoscere.
Verso le 14 mi avvio a piedi per 2km sotto un sole cocente per raggiungere il ristorante più vicino. Mentre pranzo metto sotto carica il mio smartphone. Davvero gentile il proprietario che si offre di riportarmi fino alla mia base con la propria auto.
Nel tardo pomeriggio indosso pinne e maschera per esplorare il fondale ma resto deluso sia dalla esigua trasparenza dell'acqua che dalla scarsezza di specie viventi. Ancora una volta tocco con mano il degrado ambientale e il depauperamento ittico di cui soffre il "mare nostrum".
A sera, dopo aver consumato uno spuntino con la cambusa di bordo, mi attardo a chiacchierare con gli anziani locali i quali mi sconsigliano vivamente di avventurarmi verso Tarifa con quel "coso" a meno che non abbia deciso di suicidarmi (?). Verso le 23 riposo nuovamente in tenda per la seconda notte.

(continua)...
A bordo del JABAR volo sull'acqua verso l'isola che sfuma all'orizzonte dove mare e cielo si abbracciano.
Mi accompagnano il sussurro del motore e un gruppo di delfini festosi. Ora faccio parte di quell'ambiente meraviglioso. Ora sono felice.

Avatar utente
JEBO
Abituale
Abituale
Messaggi: 9425
Iscritto il: 08/01/2009, 21:53
Gommone: MAR SEA 100 CM.
Motore: MERCURY 115HP. 4T.
Località: BOLOGNA- 6 Settembre 1942

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda JEBO » 22/08/2016, 10:54

Wow!! Giacomo :bene: oggi qui a Tisno dopo una notte di temporali e acqua a catinelle ( fortuna che ora Jebo è auto svuotante :bene: ) ho letto le tue prime tappe di questa tua ennesima bella sfida che dire ? certe cose se non si fanno da ......giovani, :halo: quando le vuoi fare da vecchio rinco??? :ah: :wink:
:d: :d: dalla Croazia in attesa del mare buono per il mio rientro , previsto tra il 27-28-29 dipende dal mare :wink:
Lomac 2001- Marshall 60- Marshall 80 ( il 4,40 poi il 4,60 ) - Marshall 90 - Marsea 100. " You only live twice....one life for you, and one for your dreams "

Avatar utente
Gommoclassic
Moderatore sez.Gommoni smontabili e Gommoni e Motori d'epoca
Moderatore sez.Gommoni smontabili e Gommoni e Motori d'epoca
Messaggi: 4208
Iscritto il: 30/04/2005, 15:51
Gommone: BWA 550 California, Domar 460, Callegari Orion 310
Motore: Yamaha 40,envirude 521 xp, Mercury 6 cv;Evinrude 15 cv Xp
Località: Salerno

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Gommoclassic » 22/08/2016, 19:37

Grazie Giacomo per il tuo racconto entusuasmante :clap:

Avatar utente
Barrotta Giacomo
Abituale
Messaggi: 1608
Iscritto il: 01/02/2009, 11:13
Gommone: JABAR • Zodiac N-Zo cabin
Motore: Suzuki 300
Località: Torrevieja (Alicante) Spagna

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Barrotta Giacomo » 22/08/2016, 20:41

JEBO ha scritto:Wow!! Giacomo :bene: oggi qui a Tisno dopo una notte di temporali e acqua a catinelle ( fortuna che ora Jebo è auto svuotante :bene: ) ho letto le tue prime tappe di questa tua ennesima bella sfida che dire ? certe cose se non si fanno da ......giovani, :halo: quando le vuoi fare da vecchio rinco???
:d: :d: dalla Croazia in attesa del mare buono per il mio rientro , previsto tra il 27-28-29 dipende dal mare :wink:

Caro Mauro, per noi che siamo... "diversamente giovani" (ma sicuramente assolutamente giovani nello spirito!), abbiamo ancora qualcosa da dire... vero?
Fai anche tu delle belle foto per arricchire il tuo reportage nel forum.
Buona navigazione e divertimento caro amico... ventenne!! :pro: :pro: :d:
A bordo del JABAR volo sull'acqua verso l'isola che sfuma all'orizzonte dove mare e cielo si abbracciano.
Mi accompagnano il sussurro del motore e un gruppo di delfini festosi. Ora faccio parte di quell'ambiente meraviglioso. Ora sono felice.

Avatar utente
Barrotta Giacomo
Abituale
Messaggi: 1608
Iscritto il: 01/02/2009, 11:13
Gommone: JABAR • Zodiac N-Zo cabin
Motore: Suzuki 300
Località: Torrevieja (Alicante) Spagna

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Barrotta Giacomo » 22/08/2016, 20:43

Gommoclassic ha scritto:Grazie Giacomo per il tuo racconto entusuasmante :clap:

Ciao Gommoclassic, quando anche tu ti cimenterai in queste avventure in quella stupenda zona dove risiedi?
A bordo del JABAR volo sull'acqua verso l'isola che sfuma all'orizzonte dove mare e cielo si abbracciano.
Mi accompagnano il sussurro del motore e un gruppo di delfini festosi. Ora faccio parte di quell'ambiente meraviglioso. Ora sono felice.

Avatar utente
Blackfin
Abituale
Abituale
Messaggi: 8842
Iscritto il: 01/05/2005, 18:59
Gommone: Flyer 646 + Mercury 150 EFI
Motore: Mercury 150 EFI
Località: Castenaso (BO)

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Blackfin » 22/08/2016, 22:18

:clap: Complimenti Giacomo per queste avventure estive la cui preparazione ti riempie anche l'inverno. Ottimo l'esito dell'ultima novità: la sacca raccogli-tenda/letto. Diciamo che non è l'Nzo dotato di tender per spiaggiare, ma le funzioni (in configurazione monoposto) sono analoghe! :wink:

Piccola nota: Mi sa che se le spiagge sono sassose come quella in foto ti converrà prevedere un intervento di restauro del tessuto a prua a fine stagione.
Novurania360+Envirude25/Yamaha25-NovamarineRH400+Mercury25-Stilnautica480+Suzuki 40 4T- Marshall M90 RT+Suzuki70 4T/YAMAHA 40/60
Flyer 646+Mercury Optimax 150/Mercury 150 EFI
__________________________________
Di fronte al mare cogliamo la nostra vera dimensione

Avatar utente
Barrotta Giacomo
Abituale
Messaggi: 1608
Iscritto il: 01/02/2009, 11:13
Gommone: JABAR • Zodiac N-Zo cabin
Motore: Suzuki 300
Località: Torrevieja (Alicante) Spagna

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Barrotta Giacomo » 23/08/2016, 7:49

Blackfin ha scritto::clap: Complimenti Giacomo per queste avventure estive la cui preparazione ti riempie anche l'inverno. Ottimo l'esito dell'ultima novità: la sacca raccogli-tenda/letto. Diciamo che non è l'Nzo dotato di tender per spiaggiare, ma le funzioni (in configurazione monoposto) sono analoghe! :wink:

Piccola nota: Mi sa che se le spiagge sono sassose come quella in foto ti converrà prevedere un intervento di restauro del tessuto a prua a fine stagione.

Grazie Nicola per l'incoraggiamento.
Per la verità la tenda 210x120 è data per due posti (effettivamente un tantino sacrificati nelle versioni da campeggio).
A proposito del telo di carena "stressato" dalle numerose scivolate sulle spiagge in occasione degli atterraggi e gli appoggi a terra, spesso sassosa, col peso aggiunto del mio corpo nella tenda durante i pernottamenti, ti dirò di essere io stesso sorpreso di non riscontrare alcun danno serio in corrispondenza del punto di appoggio corrispondente all'apice della chiglia: quella piccola superficie è appena-appena "rugosa" ma nulla di più.
La ragione potrebbe essere che i pesi che gravano sulla prora sono sempre relativamente ridotti e così essa è pronta a sollevarsi e scivolare sulla sabbia senza ingenerare abrasioni dannose. Nel caso di spiaggia sassosa verifico sempre che nel punto d'appoggio ci sono sassi appuntiti (nel caso stendo un salvagente sotto a protezione).
Alla prossima manutenzione annuale mi riprometto di rinforzare con una striscia di tessuto tutto il profilo della chiglia per una ulteriore protezione.
Al contrario nella zona poppiera la carena e i coni di poppa, grazie alle ruotine che li mantengono costantemente sollevati da terra, si presentano assolutamente "immacolati" come appena usciti dalla fabbrica. Sappiamo che in tutti gli smontabili quelle zone sono particolarmente stressate nelle operazioni vato/alaggio per abrasioni anche gravi sul tessuto soprattutto perché è proprio li che insiste anche il peso del fuoribordo.
A bordo del JABAR volo sull'acqua verso l'isola che sfuma all'orizzonte dove mare e cielo si abbracciano.
Mi accompagnano il sussurro del motore e un gruppo di delfini festosi. Ora faccio parte di quell'ambiente meraviglioso. Ora sono felice.

Avatar utente
Barrotta Giacomo
Abituale
Messaggi: 1608
Iscritto il: 01/02/2009, 11:13
Gommone: JABAR • Zodiac N-Zo cabin
Motore: Suzuki 300
Località: Torrevieja (Alicante) Spagna

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Barrotta Giacomo » 23/08/2016, 13:23

22 luglio 2016
3ª Tappa: MELISENA / CASTEL DEL FERRO - 1 notte - 7,0 miglia.
Mare deformato senza frangenti, poi mosso da prora con frangenti.


Già la sera prima alcuni tra i più giovani marinai di Melisena, esperti nel navigare sia in mare che in internet, mi avevano sconsigliato di avventurarmi in mare in questa giornata: verso mezzogiorno si sarebbero attivati robusti venti in direzione contraria alla mia andatura che avrebbero messo in difficoltà il mio "palloncino"... e avevano ragione!
Tuttavia, dopo due notti di permanenza, la mia indole di "navigatore indomito" aveva preso il sopravvento anche incoraggiato dalle apparenti buone condizioni del mare. Lascio così la spiaggia di Melisena portando con me i bei ricordi di quella esperienza vissuta e dopo aver riabbracciato la signora Ester che assiste alla mia ripartenza.

La navigazione procede tranquilla con l'obiettivo di raggiungere il grande porto di Motril 18 miglia più avanti. Dopo un po' avverto le prime avvisaglie di un tempo instabile con uno strano vento multidirezionale, a tratti anche robusto, che sembra non riuscire a trovare una sua direzione definitiva.

21.jpg
CASTEL DEL FERRO IN VISTA.

In vista di Castel del Ferro a ridosso del promontorio di Calahonda.

Dopo 7 miglia giungo in vista di Castel del Ferro la cui bella spiaggia è ridossata al promontorio di Calahonda che si protende in mare aperto per un paio di miglia ed è lungo 4, dopodiché la costa rientra nel golfo di Motril.
Doppiata la punta il mare appare molto deformato con un vento debole di prora ma ancora planabile senza frangenti. All'improvviso si sganciano due dei 4 fascioni che fissano il cubo a prora: colpa mia! non li avevo cazzati dopo la partenza come faccio di solito.
Dopo circa un miglio lungo la parete rocciosa, lontano sull'orizzonte, vedo avanzare verso di me una impressionante barra continua di onde frangenti che non promettono nulla di buono. Evidentemente quelle schiume bianche rappresentavano il fronte della perturbazione che alimentava il temibile ponente.
È questo il momento nel quale occorre prendere delle decisioni sennate perché le prove di forza contro gli elementi del mare non hanno alcun senso e possono rivelarsi persino pericolose specie per un battello così piccolo.
Subito decido di battere in ritirata ruotando la prora di 180º. La cosa più logica da fare era di buttarmi a terra nella vicina ansa di Castel del Ferro la quale si trova ben riparata proprio da quel vento micidiale.
Dopo pochi minuti, col ponente alle calcagna, metto giù le ruotine e imbocco il corridoio di atterraggio della spiaggia pur in presenza di una corposa risacca, mettendo in atto la mia solita tecnica di atterraggio veloce, che per certi versi somiglia a quella dei mezzi da sbarco dei Marines americani, finché mi arresto sulla battigia tra lo stupore dei bagnanti.
La sabbia è molto granulosa e cedevole tanto da affossare parzialmente tutte quattro ruotine. Devo così chiedere aiuto a due bagnanti che si prestano volentieri a sospingere in avanti il battello dai maniglioni di poppa mentre io agisco su quello di prora fino a raggiungere il culmine della battigia.
Di lì a poco il ponente esprimerà tutta la sua potenza in una continua progressione fino a sera e coinvolgerà questa spiaggia, nonostante il suo riparo dal monte, con la battigia che salirà continuamente costringendomi a spostare il battello più sopra per ben tre volte. Adesso sono sicuro di aver fatto la cosa giusta: non aveva senso sfidare la forza violenta di quegli elementi.

22.jpg
ATTERRAGGIO A CASTEL DEL FERRO.

Atterraggio sulla spiaggia di Castel del Ferro col ponente in continua progressione di intensità.

23.jpg
ONDA DI RISACCA VIOLENTA.

L'onda di risacca, col fondale che degrada velocemente, si abbatte contro la spiaggia con il riccio della sua cresta scaricandosi con una violenza devastante.

Dopo pranzo faccio conoscenza col dott. Antonio e la sua numerosa famiglia. Egli è primario in un ospedale di Madrid ed assiste una comunità di malati di althaimer. Incuriosito dalla mia avventura, mi invita al suo tavolo offrendomi beveroni in continuazione. Incredibile la sua esuberanza e vitalità: è diventato subito mio estimatore lodando il mio spirito libero e indomito di navigatore sessantasettenne.
Eseguite le foto di rito ci scambiamo i dati personali per restare in contatto.

24.jpg
PRONTO PER IL PERNOTTAMENTO.

Eccomi pronto a trascorrere la notte a bordo di Eta Beta.

(continua)...
A bordo del JABAR volo sull'acqua verso l'isola che sfuma all'orizzonte dove mare e cielo si abbracciano.
Mi accompagnano il sussurro del motore e un gruppo di delfini festosi. Ora faccio parte di quell'ambiente meraviglioso. Ora sono felice.

Avatar utente
Barrotta Giacomo
Abituale
Messaggi: 1608
Iscritto il: 01/02/2009, 11:13
Gommone: JABAR • Zodiac N-Zo cabin
Motore: Suzuki 300
Località: Torrevieja (Alicante) Spagna

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Barrotta Giacomo » 24/08/2016, 12:55

23 luglio 2016
4ª Tappa: CASTEL DEL FERRO / MOTRIL / LA HERRADURA - 2 notti - 23,0 miglia.
Mare deformato senza frangenti fino Motril, poi robusto giardinetto da sinistra.


Col nuovo giorno l'energia prodotta dalla passata perturbazione appare esaurita anche se il moto della superficie dell'acqua testimonia come il suo smaltimento sia ancora in corso. Tuttavia l'assenza di frangenti rappresenza per me il via libera per proseguire la mia navigazione verso ovest.
Superato il bellissimo promontorio roccioso di Calahonda, la costa rientra fino a riprendere l'allineamento costiero precedente lo stesso promontorio. Nel suo ridosso c'è la grande cittadina di Motril col suo porto commerciale e le linee di traghetti che lo collegano alla sponda opposta del Marocco tra cui le enclavi spagnole di Melilla e Ceuta.
Il traffico pesante di questo tratto di mare, rende l'ingresso nel porto un po' turbolento per Eta Beta che può riposare ed "abbeverarsi" di combustibile solo nella zona portuale riservata ai diportisti nel pontile del benzinaio.

RicevutaBenzaMotril.jpg
RICEVUTA RIFORNIMENTO MOTRIL.

È la prima volta che mi capita di ricevere una fattura del rifornimento ove vengono registrati tutti i dati del natante. È probabile che lo scopo sia quello di monitorare meglio il traffico di sostanze illegali influenzato dal vicino Marocco.
L'addetto all'erogazione del carburante resta incuriosito da quello strano pallone sul fuoribordo e mi incalza con alcune domande inducendomi a confessare la mia provenienza e destinazione. Adesso il suo sguardo preoccupato si alterna tra i miei occhi e lo Zodiac finché cede ad una risata liberatoria alla quale mi associo per ben disporlo a trovarmi un angolino ove parcheggiare Eta Beta allo scopo di riposare e pranzare.

25.jpg
SOSTA DI ETA BETA SU DI UN PONTILE GALLEGGIANTE.

Sosta sopra uno scivolo mobile a Motril.

È lui stesso a sollevare parzialmente il battello su di uno scivolo galleggiante in legno dopo avermi assicurato che non ci sono chiodi sporgenti.

Consapevole che tutti i ristoranti nelle aree portuali sono sensibilmente più cari, mi incammino nelle strade fuori dal porto finché mi fermo a contemplare un cartello che riporta il menù del giorno per soli 9 euro.

26.jpg
COTTURA CARNE SU PIETRA ROVENTE.

Cottura carne su di una pietra rovente.

Una portata tipica spagnola è costituita da una pietra rovente sulla quale rosolare a piacimento dei pezzi di carne per poi consumarli.
Ultima modifica di Barrotta Giacomo il 26/08/2016, 19:06, modificato 1 volta in totale.
A bordo del JABAR volo sull'acqua verso l'isola che sfuma all'orizzonte dove mare e cielo si abbracciano.
Mi accompagnano il sussurro del motore e un gruppo di delfini festosi. Ora faccio parte di quell'ambiente meraviglioso. Ora sono felice.

Avatar utente
Barrotta Giacomo
Abituale
Messaggi: 1608
Iscritto il: 01/02/2009, 11:13
Gommone: JABAR • Zodiac N-Zo cabin
Motore: Suzuki 300
Località: Torrevieja (Alicante) Spagna

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Barrotta Giacomo » 24/08/2016, 13:04

Sulle 18,00 riprendo la navigazione in compagnia di un robusto mare al giardinetto di sinistra. Dopo mezz'ora la superficie tende a bonacciare incoraggiandomi a procedere più avanti lungo la costa senza una meta precisa.
Supero in successione le P.te di Velilla, della Concepción e del Cerro Garda oltre la quale c'è il grande centro urbano della Herradura, adiacente ad una grande spiaggia balneare, ove decido di effettuare la mia quarta tappa.

27.jpg
ARRIVO IN SPIAGGIA TRA I BAGNANTI.

28.jpg

Arrivo tra i bagnanti nella playa della Herradura.

Giunto a terra dopo aver percorso il "canal náutico", mi viene detto che non posso stazionare in quell'area che ha una gestione privata per il noleggio dei vari giochi d'acqua. La soluzione è semplice: mi basta superare il confine delimitato da una corda a terra e stazionare nell'area pubblica nel bel mezzo dei numerosi ombrelloni dei bagnanti.
Eta Beta sa integrarsi bene in quell'ambiente grazie alle sue ridotte dimensioni, che lo fa sembrare un canottino-gioco da spiaggia, tant'è che non ho mai subito lamentele o divieti né dalla Policia Local né dai socorristi addetti alla sicurezza in spiaggia. Oltretutto il fuoribordo resta sempre in verticale mantenendo i taglienti dell'elica e del piede aderenti alla sabbia tra i coni di poppa e così anche i bimbi possono giocare tutt'intorno senza alcun pericolo.

Dall'esplorazione del nuovo ambiente scopro che questa bella località rappresenta lo sbocco a mare della popolazione di Granada distante nell'entroterra una cinquantina di km. Mi piace questo posto che offre servizi e divertimenti a volontà e così decido di trascorrere qui due notti.

29.jpg
JAGUAR D'EPOCA SCOPERTA.

30.jpg

31.jpg

Una splendida Jaguar scoperta d'epoca fa bella mostra di sé sul lungomare.

L'indomani mattina, dopo colazione in una caféteria sul lungomare, scopro parcheggiata questa splendida Jaguar scoperta d'epoca con una grande strumentazione rigorosamente analogica dei tempi passati. Il fortunato proprietario compare poco dopo facendomi godere alla partenza del possente rombo di quel motore.
La giornata trascorre tranquilla confondendomi tra i tanti turisti vacanzieri intenti a gustare le specialità culinarie locali.

32.jpg
TOILETTE CON IL TALLONE DELLA PINNA.

Utilizzo il tallone delle pinne per farmi la barba.

Verso sera è l'ora della toilette personale. Per farmi la barba verso un po' d'acqua nel tallone di una pinna ove posso risciacquare la lametta.

(continua)...
Ultima modifica di Barrotta Giacomo il 26/08/2016, 19:06, modificato 1 volta in totale.
A bordo del JABAR volo sull'acqua verso l'isola che sfuma all'orizzonte dove mare e cielo si abbracciano.
Mi accompagnano il sussurro del motore e un gruppo di delfini festosi. Ora faccio parte di quell'ambiente meraviglioso. Ora sono felice.

Avatar utente
Roccia
Abituale
Messaggi: 14086
Iscritto il: 07/09/2008, 14:31
Gommone: evolution d 640
Motore: selva 115 4t
Località: roma

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Roccia » 24/08/2016, 20:32

come sempre il tuo entusiasmo mi sconvolge, è ammirevole amare il mare e navigarlo come fai tu ed il bello è vedere che ovunque vai sei sempre ben accettato, sulle italiche spiagge, dopo averti spellato arrivavano in ordine, C P, guardie comunali, cinofila, guardie forestali, provinciali, polizia postale, squadra anticrimine, carabinieri, finanza e il RIS... invece con te la semplicità, l'umilta, la passione , mi lascia sognare
Popolo marinaro, popolo libero
Ci sono tre tipi di uomini : i vivi, i morti e quelli che vanno per mare

Avatar utente
Gommoclassic
Moderatore sez.Gommoni smontabili e Gommoni e Motori d'epoca
Moderatore sez.Gommoni smontabili e Gommoni e Motori d'epoca
Messaggi: 4208
Iscritto il: 30/04/2005, 15:51
Gommone: BWA 550 California, Domar 460, Callegari Orion 310
Motore: Yamaha 40,envirude 521 xp, Mercury 6 cv;Evinrude 15 cv Xp
Località: Salerno

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Gommoclassic » 24/08/2016, 20:39

Si è quello che pensavo, qui in italia non potresti spiaggiare neanche in una spiaggia isolata figurati affollata di gente

Avatar utente
Barrotta Giacomo
Abituale
Messaggi: 1608
Iscritto il: 01/02/2009, 11:13
Gommone: JABAR • Zodiac N-Zo cabin
Motore: Suzuki 300
Località: Torrevieja (Alicante) Spagna

Re: RAID DEI DUE MARI con Eta Beta ● Roquetas-Tarifa-Salobreña ● 303 miglia a/r

Messaggioda Barrotta Giacomo » 25/08/2016, 13:19

25 luglio 2016
5ª Tappa: LA HERRADURA / P.to DE VELEZ / BENALMADENA / FUENGIROLA / CALABURRAS - 2 notti - 48,0 miglia.
Mare quasi calmo con qualche piccolo rinforzo locale.


Grazie ad un mare prevalentemente tranquillo, oggi intraprendo il trasferimento più lungo dell'intero raid con ben 48mgl percorse.

Ancora una volta mi lascio pervadere dalle sensazioni inebrianti uniche che scuotono il mio corpo ogni volta che mi distacco dalla terraferma: alle mie spalle gli agglomerati urbani ipermotorizzati col loro traffico caotico rumoroso e inquinante; davanti a me la pace, la serenità d'animo che ritrovo nella superficie liquida più estesa esistente in natura ove si specchia il sole coi suoi riflessi colorati sempre diversi, la sua mutabilità quando "gioca" col vento. Adesso sono in estasi, sospeso tra il fondale e il cielo... adesso sono davvero libero! adesso sono davvero felice!

33.jpg
INIZIO PARCO MARINO PROTETTO.

Parco marino protetto tra la Herradura e Nerja.

Superato il golfo della Herradura costeggio un parco marino protetto che si estende per 5mgl fino a Nerja. Questo tratto di costa è tra i più belli e spettacolari incontrati ma il mio desiderio di mettere il naso sott'acqua è precluso dalla guardiania a terra pronta ad intervenire per fare rispettare i divieti di ancoraggio, pesca e persino balneazione.

34.jpg
PORTO DE VELEZ IN VISTA.

P.to de Velez in vista.

Superata Nerja e la P.ta de Torrox, approdo al distributore di carburante nel porto di Velez in compagnia di tre barche adibite alla pulizia delle acque costiere. In attesa del benzinaio che si attarda a colazione, gli operatori ecologici mi riferiscono di recuperare ogni giorno tonnellate di immondizie galleggianti (possiamo solo immaginare quelle che vanno a fondo!) soprattutto plastiche e nylon che alcuni gabbiani ingeriscono per poi morire soffocati. Che tristezza! una cultura dell'ambiente che manca a molte persone che trattano il mare come un grande immondezzaio.
Uscito dal porto col serbatoio pieno, il sole basso alle spalle del mattino riflette in lontananza la sagoma di un monte leggermente distaccato dalla costa. Pensavo fosse una sporgenza ancora precedente Malaga e così punto su di essa senza curarmi di riscontrarla sulla carta nautica. Questo è l'esempio di come le distanze in mare possano trarre in inganno: quella che io valutavo intorno alle 8-10mgl era in realtà la punta di Benalmadena distante 24mgl ben oltre il golfo di Malaga.

35.jpg
BENALMADENA IN AVVICINAMENTO.

Benalmadena in avvicinamento.

L'avvicinamento a quel promontorio diviene così interminabile nonostante la mia crociera veloce di 14 nodi. Ma già a metà strada, col sorvolo sulla mia testa di alcuni aerei di linea, mi era venuto il sospetto di aver sbagliato qualcosa.
Il mare con la superficie olio sotto un sole brillante mi invoglia a fare una sosta per un bagnetto rinfrescante in quell'acqua blu inchiostro profonda un centinaio di m. L'occasione si prestava anche per collaudare la mia scaletta di risalita in corda a sei gradini.

Scaletta.jpg
SCALETTA DI RISALITA.


La tecnica di risalire a gambero con la schiena in appoggio sui tubolari per mantenere la scaletta verticale avrebbe funzionato se avessi avuto degli appigli sicuri ove bloccare le braccia aperte. Purtroppo questo gommone ne è sprovvisto e così, sotto i miei 95kg., la scaletta svetta lateralmente impedendomi di guadagnare la seduta sul tubolare. Per sicurezza avevo già indossate le pinne e così sono risalito, non senza difficoltà, fino a piazzare mani e braccia sul siluro per poi inclinare il corpo all'interno.
Sono rattristato da questa esperienza perché la limitata padronanza della mia mobilità nella gestione del gommone si riflette necessariamente sulla minor sicurezza nell'intraprendere questo genere di avventure.

Giunto nel porto di Benalmadena rifaccio il pieno ma non mi viene consentito di ormeggiare per riposare e pranzare, così riprendo la navigazione in cerca di maggior fortuna.

36.jpg
BARCA SOCCORSA.

Barca in panne da me soccorsa.

Sei miglia più avanti giungo nei pressi del porto di Fuergirola nei cui pressi vedo un diportista in difficoltà col 25 Yamaha che non riparte e che richiede il mio soccorso. Così lo aggancio con una cima e lo traino dentro il porto.
Adesso posso approfittare di quell'ormeggio occasionale per pranzare in un ristorante dell'area portuale eccezionalmente economico.

37.jpg
FOTO RICORDO CON LA CAMERIERA A FUERGIROLA.

Foto-ricordo con la cameriera del ristorante.

Tra le diverse portate mi viene servita un'abbondante razione di lasagne al forno dall'aspetto e sapore del tutto simili a quello delle nostre tavole: evidentemente in cucina c'è lo zampino di un cuoco di provenienza nostrana. Per questo inaspettato "regalo culinario", ringrazio e bacio la cameriera con una foto-ricordo.
Ultima modifica di Barrotta Giacomo il 26/08/2016, 19:08, modificato 1 volta in totale.
A bordo del JABAR volo sull'acqua verso l'isola che sfuma all'orizzonte dove mare e cielo si abbracciano.
Mi accompagnano il sussurro del motore e un gruppo di delfini festosi. Ora faccio parte di quell'ambiente meraviglioso. Ora sono felice.

Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.



Torna a “Le Avventure, i Raduni e gli incontri in mare, i Raid e le foto dei nostri gommoni in navigazione”



Chi c’è in linea

Visitano il forum: aleciaci, ALSACS e 49 ospiti